“Rebound”: 76 idee di nuova impresa in cerca di un avvio

0
88
enrico berto presidente giovani imprenditori confindustria pd 1 1
enrico berto presidente giovani imprenditori confindustria pd 1 1Sono state presentate da 169 giovani under 35 nell’ambito del progetto dei Giovani di Confindustria Padova. Entro ottobre ne saranno selezionate 8 per farne business plan da proporre al mercato

76 nuove idee d’impresa, presentate da 169 giovani under 35, in prevalenza dal Veneto ma anche da altre regioni. È questo il primo bilancio di “Rebound”, il progetto dei Giovani Imprenditori di Confindustria Padova e della Sezione servizi innovativi e tecnologici, in collaborazione con Fòrema, BAN Veneto e Camera di Commercio di Padova, per sostenere l’avvio di nuove imprese di under 35 nei settori “It based” e favorirne l’incontro con la finanza privata.

Il dato alla chiusura del bando è un chiaro segnale di vitalità imprenditoriale in un’area come il Veneto dove, dal 2008 ad oggi, i capitani d’impresa fino a 30 anni sono crollati del 17,2% (-16,9% a Padova, -13,5% la media nazionale). E un esplicito richiamo a invertire quel contesto di fattori – dal cuneo fiscale alla burocrazia, all’accesso al credito – per cui l’Italia oggi non è un Paese per l’avvio di nuove imprese, ma su cui il ministro Corrado Passera è al lavoro per varare un pacchetto di misure ad hoc, oltre l’Agenda digitale.

Il 36,4% delle nuove idee d’impresa intercettate da “Rebound” riguarda web e social network, il 35% l’information technology, il 17,5% mobile e telecomunicazioni, il 10,8% infine comunicazione e marketing. Sogni nel cassetto, idee innovative per prodotti già sul mercato, servizi digitali a supporto delle Pmi, che ora passeranno al vaglio di una commissione tecnica formata dal BAN Veneto, imprenditori, manager e professionisti. Le 8 migliori idee d’impresa selezionate entro ottobre saranno coinvolte in un percorso di formazione e consulenza tecnica per elaborare i business plan da sottoporre a potenziali investitori, come “business angels”, venture capitalist, imprenditori e manager.

“Rebound ha intercettato le idee di privati, professionisti, giovani che lavorano in azienda e vorrebbero mettersi in proprio, persone già dotate di competenze di gestione imprenditoriale – spiega Emiliano Fabris di Loft Consulting, partner tecnico di BAN Veneto -. Consolida il rapporto di Confindustria Padova con i giovani e mette in rete progetti nuovi da sottoporre alla community di 45 business angel del BAN Veneto. Attraverso un percorso mirato, punta ad arricchire il bagaglio di competenze necessarie ad operare nel settore It based, percepito spesso con meno barriere all’ingresso”. Enrico Berto, presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Padova, sottolinea come “tra i giovani non manca la voglia di impresa, soprattutto nei settori innovativi. Mancano le condizioni culturali, normative e di sistema per favorirla. La Srl semplificata e le misure annunciate dal ministro Passera sono un segnale di attenzione. Ma serve altro: l’esenzione dell’Irap per i primi tre anni, aliquote agevolate per chi mette capitale in una nuova impresa e un contratto di lavoro che leghi salario e produttività. In questo momento di crisi, a soffrire di più sono proprio le imprese più giovani, anche quelle più dotate di tecnologia e capacità d’innovazione. Abbiamo il dovere di sostenerle, perché sono uno degli asset per far ripartire la crescita e creare buona occupazione per i giovani”.