Inaugurata a Bressanone la nuova sede della Protezione civile presso l’ospedale

0
518
PAB centro protezione civile bressanone 2 1
PAB centro protezione civile bressanone 2 1Edificio di 24.000 metri cubi, ospita la Croce Bianca, la Croce Rossa, il Soccorso Alpino, il Soccorso alpino e speleologico Alto Adige del Cnsas, il Soccorso acquatico Alto Adige – Valle Isarco, la Colonna di sussistenza della Protezione civile, il Soccorso Alpino dell’AVS Bressanone

Nell’area dell’Ospedale di Bressanone, nelle immediate vicinanze dell’elisoccorso, si è svolta la cerimonia di inaugurazione ufficiale della nuova sede della Protezione Civile di Bressanone alla presenza del presidente della Provincia, Luis Durnwalder, degli assessori provinciali Richard Theiner e Florian Mussner, del sindaco di Bressanone Albert Pürgstaller e del direttore del comprensorio sanitario di Bressanone, Siegfried Gatscher.

La nuova struttura che ha una cubatura complessiva di oltre 24.000 metri cubi, ospita le associazioni che fanno parte della Protezione Civile di Bressanone come, ad esempio, la Croce Bianca, la Croce Rossa, il Soccorso Alpino, il Soccorso alpino e speleologico Alto Adige del Cnsas, il Soccorso acquatico Alto Adige – Valle Isarco, la Colonna di sussistenza della Protezione civile, il Soccorso Alpino dell’AVS Bressanone.

PAB centro protezione civile bressanone 1 1Il nuovo edificio si compone di due lunghi corpi longitudinali paralleli all’andamento del terreno. Il piano interrato ospita il parcheggio coperto ed i locali tecnici, mentre il piano terra le rimesse degli autoveicoli d’intervento e i locali secondari. Il parcheggio coperto, ubicato nel piano interrato, offre 81 posti auto per il personale del Comprensorio sanitario. Nel piano interrato sono previsti anche un deposito per il Comprensorio sanitario, un locale per il generatore d’emergenza, il locale tecnico ed il locale per il teleriscaldamento. Nei garage parzialmente riscaldati situati al piano terra sono stati previsti i garage per i mezzi di soccorso del soccorso subacqueo, del CNSAS/CAI, del BRD/AVS, della Croce Bianca e Rossa e della protezione civile. Allo stesso piano hanno trovato alloggio anche vari magazzini, il locale lavaggio automezzi comune, vari uffici e locali comuni con annessi servizi sanitari della Croce Bianca e Rossa.

I due corpi bassi (1. e 2. piano fuori terra) sono collegati a sud da un grande corpo su tre piani che ospita tutti gli uffici ed i locali comuni nonché le varie stanze. In questo volume sono collocati l’ingresso comune e tutti i percorsi verticali. Il primo piano (direzione nord, lato monte) ospita gli uffici ed i locali comuni con relativi servizi igienici del soccorso acquatico, del CNSAS/CAI e del BRD/AVS. Nello stesso piano si trovano anche gli spogliatoi divisi con relativi servizi igienici per 162 persone. Sul lato sud dell’edificio vi sono le camere per il personale di pronto intervento, il magazzino e l’ufficio dell’unità cinofila. I vari locali sono collegati orizzontalmente da due ampi corridoi e verticalmente da tre vani scala ed un ascensore. Il secondo ed ultimo piano è stato edificato esclusivamente nella zona sud. Questo piano ospita una sala pluriuso (sala riunioni e gruppo giovanile) della Croce Bianca, un ufficio e una sala riunione della Croce Rossa. È stata anche prevista una sala comune per aggiornamenti, corsi e manifestazioni similari per l’utilizzo comune da parte di tutte le unità di pronto intervento.

La sistemazione comprende un collegamento diretto agli altri edifici dell’areale ospedaliero, 50 posti macchina per il Comprensorio sanitario e 45 posti macchina per la protezione civile. In fase progettuale è stata curata particolarmente la divisione tra accesso al garage interrato ed ingresso per i mezzi di pronto intervento. L’edificio si integra in maniera armonica con le varie strutture esistenti dell’areale ospedaliero. Grazie alla divisione dell’edificio su vari livelli, la struttura segue l’andamento del terreno.

Il progetto è stato elaborato per una gestione semplice ed economica garantendo comunque un alto standard qualitativo. La struttura è dotata di cappotto termico esterno secondo i criteri di isolamento Casa Clima classe A. Le facciate sono intonacate e gli infissi in materiale ligneo o metallico. I tetti sono piani e prevedono una sistemazione a verde. Il costo complessivo dell’opera è stato di 10,025 milioni di euro.