Macchine per ceramica: nel 2014 fatturato in crescita del 10,5%

0
40
Acimac-confindustria-modena-macchine-per-la-ceramica-presidente-Fabio-Tarozzi-ilnordestquotidiano
Acimac-confindustria-modena-macchine-per-la-ceramica-presidente-Fabio-Tarozzi-ilnordestquotidianoIl 79% del fatturato di settore è derivato dall’export, che segna un +9% rispetto al 2013. Bene anche il mercato italiano, con un incremento del 16,6%

Fatturato in crescita per il settore della macchine e attrezzature per ceramica, uno ei comparti portanti dell’economia modenese: il 2014 si chiude infatti con una crescita del 10,5% rispetto al 2013, pari a 1.890 milioni di euro.

Questo quanto emerge dai primi pre-consuntivi del centro studi di Acimac, un risultato che, se confermato dai dati che saranno resi il prossimo giugno, vedrebbe il 2014 come l’anno con il secondo miglior risultato nella storia del settore, dopo i 1.937 milioni di euro registrati nel 2007.

A garantire questi risultati sono state le vendite sia sul mercato interno che su quello internazionale; in particolare l’export ha garantito la quota maggiore del fatturato di settore, il 79% pari a circa 1.5000 milioni di euro, in crescita del 9% rispetto al 2013.

Buone anche le vendite sul mercato italiano che si attesta sui 400 milioni di euro, con un incremento del 16,6% rispetto al 2013 (per una quota pari al 21,2% del fatturato).

Se il 2014 è stato dunque più che positivo, il 2015 sarà un anno più complesso, come ha dichiarato Fabio Tarozzi, presidente di Acimac: «le previsioni per il prossimo anno sono caute, negli ultimi mesi stiamo, infatti, registrando un rallentamento nei principali indicatori economici di molti Paesi del mondo». «Con gli elementi attualmente in nostro possesso – prosegue Tarozzi – stimiamo per il 2015 un mantenimento dei livelli di business raggiunti».