Per le 3 casse di risparmio di San Miniato, Rimini e Cesena nuovi cda “firmati” Credit Agricole

0
217
Logo Crédit Agricole
Prosegue il cammino di rilancio delle banche dove i francesi sono al 95,3% del capitale

Logo Crédit AgricoleLe casse di risparmio di San Miniato, Rimini e Cesena rinnovano i rispettivi consigli di amministrazione, sostituendo i vecchi consiglieri con quelli indicati dalla nuova proprietà, il gruppo francese Credit Agricole, che ha salvato le tre banche acquisendone il 95,3%.

La nomina dei nuovi amministratori è il primo passo formale di Credit Agricole Italia nei tre istituti, dopo la chiusura dell’iter di acquisto, avvenuta il 21 dicembre. Per il momento, le casse di San Miniato, Cesena e Rimini mantengono un loro consiglio e il loro nome, a cui è stato semplicemente affiancato il logo di “Credit Agricole”. Nei nuovi consigli l’impronta del gruppo francese è forte, ma è stato comunque mantenuto il legame con i territori, sia con la conferma di alcuni nomi, sia con la scelta dei consiglieri indipendenti. Le tre banche non avranno un amministratore delegato, ma un direttore generale.

In quello di San Miniato, è previsto un piano industriale di rilancio che prevede nuovi finanziamenti all’economia pari a circa 1 miliardo nell’arco del triennio 2018-2020, con una crescita media del 10% circa. Per San Miniato e Cesena alla direzione sono nominati due dirigenti di Credit Agricole Cariparma: Massimo Cerbai per la banca toscana e Massimo Tripuzzi per quella romagnola. A Rimini è confermato l’attuale direttore generale Giampaolo Scardone. 

Per la Cassa di Risparmio di San Miniato, Divo Gronchi è passato dalla carica di amministratore delegato a quella di presidente, mentre alla vicepresidenza è stato nominato il vicedirettore generale di Crédit Agricole Cariparma, Oliver Guilhamon. Per la Cassa di Risparmio di Cesena, il gruppo francese ha indicato Giancarlo Forestieri alla presidenza e alla vicepresidenza Roberto Ghisellini, vicedirettore generale di Credit Agricole Cariparma. Ghisellini è indicato anche alla vicepresidenza di Cassa di Risparmio di Rimini. Come presidente è stato designato Guido Corradi.

Nel triennio 2018-2020 previsti nuovi finanziamenti a famiglie e imprese sul territorio per oltre un miliardo e investimenti per il rilancio. A valle dell’operazione di acquisizione di Caricesena, Carim e Carismi, Crédit Agricole Italia supera i 2 milioni di clienti, raggiungendo in Emilia Romagna una quota di mercato di circa il 10,7%.