Alto Adige, cresce il numero di chi non si sente sicuro, specie nelle città

0
181
sicurezza urbana
L’indagine condotta dall’Istituto provinciale di statistica afferma che il 72,7% degli altoatesini si sente al sicuro, specie tra chi abita nelle località rurali

Dall’Indagine multiscopo sulle famiglie, condotta nel 2017 dall’Istituto di statistica Astat della provincia di Bolzano in collaborazione con Istat, emerge una decisa crescita di coloro che non si sente sicuro, specie se vive nelle zone urbane, dove la sensazione di insicurezza è doppia rispetto alle zone rurali (il 28,5% contro il 15,2%).

Interessante notare come il numero di coloro che si sentono insicuri sia cresciuto del 6,3% rispetto al 2009, probabilmente anche a seguito del deciso aumento del numero di immigrati irregolari e di nullafacenti che popolano gli ambiti urbani, che spesso importuna la gente con richieste assillanti di denaro.

L’indagine dimostra inoltre come negli ambiti urbani fenomeni quali la prostituzione, consumo di droga, vagabondaggio e vandalismo sono molto più presenti. Una donna su tre, infine, non si sente al sicuro quando cammina al buio per le strade del proprio quartiere. Un segnale su cui le maggioranze di centro sinistra che amministrano le città dell’Alto Adige devono riflettere attentamente.