In Italia 38 incidenti al giorno con la bicicletta

0
470

Lombardia, Emilia Romagna e Veneto in vetta alla classifica stilata da Das (gruppo Generali).Nella provincia di Rimini si registra il più alto tasso di incidenti anche per chi va in moto o motorino. 

Ogni giorno in Italia 38 ciclisti rimangono coinvolti in incidenti stradali, concentrati soprattutto in Lombardia (10 incidenti al giorno), Emilia Romagna (8 incidenti) e Veneto (più di 5 incidenti). A rilevarlo è D.A.S, compagnia del gruppo Generali specializzata nella tutela legale, che ha analizzato una serie di dati.

L’Emilia Romagna è la regione italiana con il maggior numero di sinistri in rapporto alla popolazione (1 ogni 1.341 abitanti). Nel 2010 ha fatto registrare 3.024 incidenti in cui sono state coinvolte biciclette. Il picco d’incidenti nella regione è stato raggiunto nel 2008 con quasi 3.117 episodi. Il Veneto con 2.008 incidenti nel 2010 (1 ogni 2.261 abitanti) è la seconda per maggior frequenza di sinistri, seguita dalla Lombardia con un dato leggermente inferiore: 3.785 incidenti, uno ogni 2.410 abitanti. Nell’ultimo decennio il 2007 è stato l’anno peggiore sia per il Veneto (2.194) che per la Lombardia (4.043).

Dalla rilevazione di D.A.S. Italia, la Toscana, sempre nel 2010, risulta quarta per “densità” di incidenti: 1 ogni 3.096 abitanti (1.112 sinistri). I ciclisti coinvolti in incidenti stradali sono tanti anche in Friuli Venezia Giulia (362 sinistri – 1 ogni 3.137 abitanti) e Piemonte che ha registrato nel 2010 889 sinistri, il livello più alto dal 2001 (1 ogni 4.625 abitanti).

Dando uno sguardo ai tassi di crescita degli incidenti stradali che coinvolgono le biciclette si nota che nelle regioni ad elevato utilizzo di bici la crescita nell’ultimo decennio è stata, comunque, piuttosto consistente. Si va dal +29% del Veneto, al 27% di Lombardia e Lazio, al 23% di Emilia-Romagna e Trentino Altro Adige, al 22% del Piemonte. A livello nazionale gli incidenti totali che hanno interessato le biciclette si sono incrementati di un quarto (+ 24%) negli ultimi dieci anni (2001-2010), da 11.155 sono saliti a 13.869.