All’aeroporto di Pavullo (Modena) inaugurato un nuovo hangar per potenziare le attività di elisoccorso anche di notte

La struttura polifunzionale in grado di ospitare fino a tre elicotteri per l'emergenza/urgenza.

0
92
elicottero 118

Una montagna più sicura. All’aeroporto civile statale “Paolucci” di Pavullo nel Frignano, nell’appennino modenese, è stato inaugurato un nuovo hangar, il terzo, per potenziare le funzionalità dello scalo: la struttura polifunzionale, dotata di un moderno sistema di climatizzazione, coibentazione e illuminazione, sarà disposizione del servizio sanitario regionale che già utilizza la pista per l’elisoccorso, anche notturno, un servizio particolarmente importante in un’area montana.

A essere inaugurata ufficialmente è anche l’elisuperficie che, dal settembre scorso, è stata attrezzata per il decollo e l’atterraggio degli elicotteri del soccorso 118. L’hangar, che potrà ospitare fino a tre elicotteri per l’emergenza/urgenza, realizzato grazie alla donazione dell’azienda di Pavullo Vis Hidraulics.

«Un nuovo esempio della capacità di fare squadra del nostro territorio, di mettere insieme le migliori energie tra pubblico e privato per dare risposte efficaci ai bisogni delle persone e delle comunità locali – afferma il presidente della regione Emilia Romangna, Stefano Bonaccini -. La nuova struttura, grazie alla generosità di un’azienda privata e al sostegno delle istituzioni, potrà dare ancora più qualità ai servizi resi disponibili per la collettività in aree dell’Appennino, quella montagna nella quale stiamo investendo risorse importanti per farne luoghi nei quali vivere e vivere bene».

Le risorse per la realizzazione dell’opera sono state donate pressoché integralmente all’Aero Club Pavullo dalla Vis Hydraulics, azienda del settore meccanico con sede a Pavullo. Il valore complessivo dell’opera è stato stimato da Enac in oltre 495.000 euro. Le dimensioni sono di 25 metri per 20.

L’Aero Club si trova nella zona sud del capoluogo del Frignano. L’elicottero in servizio è l’unico dei 4 mezzi della flotta regionale con caratteristiche di ricerca e soccorso, specializzato a garantire l’assistenza sanitaria in zone impervie, impossibili da raggiungere altrimenti o, ad esempio, colpite da alluvione. Gli strumenti e i dispositivi medici di bordo sono di altissima qualità e tecnologia, ma anche sensibili alle variazioni di temperatura. Le particolari condizioni climatiche dell’aeroporto di Pavullo pongono questioni particolari, sia quando si atterra con una persona soccorsa a bordo, sia durante il ricovero dell’elicottero e per il suo mantenimento in perfetta efficienza quando questo è in sosta. La nuova struttura darà una risposta positiva a queste esigenze.

Nato nel 1986 con la prima base a Bologna, il servizio di elisoccorso dell’Emilia-Romagna è stato esteso alle ore notturne nel 2017 e rafforzato all’inizio del 2018 con l’individuazione di 142 nuove aree per decolli e atterraggi che diventeranno operative anche di notte nel biennio 2018-2019 e che si aggiungono alle 17 esistenti. Complessivamente, in regione si potrà contare su 159 superfici attrezzate per l’elisoccorso, anche notturno, comprese quelle ospedaliere.