Friuli Venezia Giulia varato il bando per il terzo settore

Roberti: «disponibili un milione di euro per supportare il ruolo strategico dell’associazionismo, specie nei piccoli comuni». 

0
71
bando terzo settore

Per il terzo settore del Friuli Venezia Giulia arriva il sostegno economico da parte della Regione con lo stanziamento di circa un milione di euro: «si tratta di un’opportunità importante, anche in considerazione del ruolo strategico svolto da quelle associazioni che supportano i Comuni, soprattutto quelli più piccoli, nell’erogazione di importanti servizi ai cittadini» ha detto a Trieste l’assessore regionale alle autonomie locali, Pierpaolo Roberti.

Nel dettaglio, si tratta dei 946.548,57 euro assegnati al Friuli Venezia Giulia del Fondo statale per il finanziamento di progetti e attività di interesse generale nel terzo settore. La stessa Regione, infatti, ha approvato il piano operativo individuando quattro aree d’intervento: lo sviluppo della cultura del volontariato tra i giovani nell’ambito del disagio psicosociale, il rafforzamento della cittadinanza attiva nel campo dei beni culturali, la promozione dell’invecchiamento attivo e lo sviluppo delle reti associative. Lo scorso mese, infine, è stato approvato dalla Giunta in via definitiva l’avviso pubblico che finanzia iniziative e progetti presentati da un capofila e almeno nove partner.

Come sottolineato da Roberti, il bando è da considerarsi un momento di estrema utilità per le associazioni interessate, in quanto – vista l’architettura del bando – può risultare difficoltoso adempiere alle fasi della parte burocratica. In considerazione di ciò «offrire la possibilità di ottenere spiegazioni e delucidazioni può rappresentare un momento importante di confronto e di approfondimento». Roberti ha anche ricordato come, parallelamente al bando, sia stata rinnovata la convenzione con il Centro servizi volontariato della Regione, garantendo così alle associazioni lo strumento, in molti casi determinante, dedicato all’assistenza tecnica.

Considerando questa prima esperienza come un lavoro in fieri, l’assessore ha rimarcato che, in base ai risultati e al grado di partecipazione registrato, verrà presa in considerazione eventualmente la possibilità di venire incontro alle associazioni più piccole, le quali sono spesso impegnate in importanti funzioni di sostegno alle comunità locali del territorio. «Non a caso – ha concluso Roberti – questa amministrazione ha inteso unire la delega del volontariato a quella delle Autonomie locali, dando una testimonianza concreta di quale sia la valenza dell’associazionismo nell’operatività dei Comuni della nostra regione».

Per ulteriori informazioni sul bando è consultabile il sito istituzionale della Regione al link http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/cultura-sport/solidariet a/FOGLIA116/