AIM Vicenza colloca un nuovo prestito obbligazionario da 20 milioni alla Borsa di Dublino

Il prestito si aggiunge a quello da 50 milioni emesso nel 2017. Operazione volta a supportare il piano investimenti da 250 milioni di euro. 

0
667
AIM Vicenza
da sx Leonardo Bafunno (Legance), Federica Peruselli (Unicredit), Dario Vianello (AIM Spa) e Battista Baldassarre (Simmons&Simmons) nella sede londinese di Simmons&Simmons

AIM Vicenza Spa lunedì 17 settembre ha collocato un’ulteriore quota di prestito obbligazionario per l’importo 20 milioni di euro che va ad incrementare la tranche di 50 milioni emessa nel 2017. Il prestito obbligazionario quotato ora sul mercato regolamentato della Borsa di Dublino “Euronext Dublin” (ex ISE – Irish Stock Exchange) raggiunge l’importo complessivo di 70 milioni di euro.

Anche in questo caso, la tranche di private placement, unrated, è stata interamente sottoscritta da investitori istituzionali che hanno ritenuto apprezzabile il trend economico-patrimoniale della società degli ultimi anni, confermato dai risultati dell’esercizio 2017. La nuova quota di prestito presenta le medesime caratteristiche delle precedenti – senior unsecured con rimborso amortizing – ad ulteriore conferma della valutazione di solidità del Gruppo AIM da parte dei soggetti investitori.

La Borsa di Dublino ha accolto favorevolmente l’operazione condotta da UniCredit nel ruolo di Lead Manager and Sole Bookrunner con l’assistenza degli studi legali Legance e Simmons&Simmons.

Con questa operazione, AIM Vicenza consolida ulteriormente il proprio debito riducendo considerevolmente l’esposizione sul tasso variabile che nei prossimi 5 anni scenderà sotto il 25%, mettendosi quindi al riparo da un eventuale incremento futuro dei tassi di interesse.

L’importo introitato, unitamente ai finanziamenti contratti direttamente con la Banca Europea (BEI) nel 2014 e all’autofinanziamento aziendale, andrà a supportare il consistente pacchetto di investimenti, di circa 250 milioni di euro, che AIM Vicenza ha programmato nel suo Piano industriale quinquennale.

Le principali aree di intervento riguardano i settori delle infrastrutture dell’energia elettrica, del gas e del teleriscaldamentocon un particolare focus anche sulla crescita per linee esterne dell’area business mercato. Una parte delle risorse sarà destinata al rinnovo e all’ampliamento delle infrastrutture dell’area ambiente.

«Rilevo con soddisfazione – è il commento del direttore generale di AIM Vicenza, Dario Vianello – che con questo finanziamento, l’azienda ha completato una prima fase di reperimento della provvista finanziaria necessaria alla realizzazione dei piani di sviluppo previsti, consolidando altresì la posizione finanziaria netta su linee a medio e lungo termine, prevalentemente a tasso fisso, e quindi svincolate  da un’eventuale dinamica di crescita dei mercati finanziari. Un plauso particolare alle strutture aziendali per l’impegno profuso anche in questa occasione, come già avvenuto un anno fa, nel raggiungimento dell’obiettivo».

«La nuova emissione obbligazionaria – sottolinea Umberto Lago, amministratore unico del Gruppo AIM – che unitamente a quella dello scorso anno, fornisce la provvista per il finanziamento dei piani di sviluppo, è stata ancora una volta raccolta ad un tasso favorevole, che testimonia la solidità aziendale e l’apprezzamento di cui gode la nostra Azienda presso gli investitori istituzionali. Desidero quindi unirmi al Direttore Generale Dario Vianello, nel formulare i miei complimenti alle persone che hanno lavorato con grande impegno per il raggiungimento di questo importante risultato».

© Riproduzione Riservata