I carburanti cambiano nome: in vigore le nuove sigle europee

Benzina, gasolio e gas ora si cambia ai distributori. Ecco come leggerle. 

0
455
carburanti cambiano nome

Anche se si continuerà a chiedere un pieno di gasolio o di benzina al “servito” o a guardare i colori delle pompe (gialla per il gasolio e nera o verde per la benzina) al “fai da te”, sull’altare dell’unificazione europea i carburanti cambiano nome e distinzione.

D’ora in poi, tra i gasoli si potrà scegliere tra la “B7” o “B10”, oppure “XTL” per i gasoli sintetici. E “E5”, “E10” o “E85” per le benzine, tanto per citare i consumi più diffusi. Lo si deve alla direttiva europea 94 del 2014, ora entrata in vigore anche in Italia. In ogni stazione di servizio sia sul distributore sia sulla pistola per l’erogazione sono state apposte etichette che affiancheranno quelle tradizionali riportanti lettere e numeri inscritti all’interno di tre forme geometriche: un cerchio per la benzina, un quadrato per il gasolio e un rombo per i combustibili gassosi. All’interno delle forme sono riportate una lettera e dei numeri: la “B” per il gasolio, più un eventuale numero che indica la percentuale di biocarburante aggiunto, oppure “XTL” per il gasolio sintetico non derivante dalla raffinazione del greggio. Per la benzina verde la lettera è la “E” accompagnata da un numero indicante la percentuale di etanolocontenuta: dal 5% all’85%, che in Italia non viene utilizzato.

Cambio anche per i carburanti gassosi indicati con un rombo con dentro H2 per l’idrogeno, Cng per il gas naturale compresso, Lpgper il Gpl e Lng per il gas naturale liquefatto.

I simboli verranno apposti sui tappi del serbatoio dei nuovi mezzi che usciranno dalle concessionarie e su quelli che saranno immatricolati. Nessun accorgimento è previsto per le auto già in circolazione.

Secondo l’Unione Petrolifera «il cambiamento nasce anche dall’esigenza di rendere uniforme, in un contesto di sviluppo dei carburanti alternativi, le etichette in Europa, evitando confusione nei rifornimenti tra un Paese e l’altro».

© Riproduzione Riservata