Spreco alimentare: dal 2007 in Emilia Romagna recuperati 22 milioni di euro di prodotti

132 gli enti beneficiari, 113 donatori e 52 comuni coinvolti grazie ai progetti del Last minute market. Il ritratto di un'Italia in cui cresce la consapevolezza degli sprechi nel Rapporto 2018 dell'Osservatorio Waste Watcher di Last minute market/Swg. 

0
44
Spreco alimentare

Spreco alimentare: quattro italiani su dieci dichiarano di averlo ridotto nell’ultimo anno, nove su dieci ammettono di sentirsi in colpa quando gettano il cibo avanzato e ancora commestibile, e quattro su cinque giudicano irresponsabile buttare cibo ancora buono. Sono alcuni dei dati del Rapporto 2018 dell’Osservatorio Waste Watcher, Last minute market/Swg presentato a Bologna da Andrea Segrè dell’Università di Bolognafondatore Last Minute Market e campagna Spreco Zero -, Andrea Corsini, assessore regionale a turismo e commercio, Stefano Mazzetti, sindaco del comune di Sasso Marconi e presidente Associazione dei comuni Sprecozero.net, Maurizio Pessato, presidente Swg, Luca Falasconi, curatore del progetto Reduce, e Matteo Guidi, amministratore delegato di Last minute market.

In controtendenza sul dato nazionale, in Emilia Romagna aumenta la percezione dello spreco, forse – spiegano i curatori del Rapporto – perché è maggiore l’attenzione reale al fenomeno. Da Piacenza a Rimini, si gettano soprattutto verdura e frutta fresca: un quinto in più rispetto al dato nazionale. Ma anche salse e sughi, pasta fresca, riso e prodotti per la colazione.

E sul versante della distribuzione, dal 2007 al 2016 grazie ai progetti di Last minute market sostenuti dalla Regione, sono stati recuperati alimenti per un valore complessivo di circa 22 milioni di euro e 132 enti beneficiari diretti, 113 donatori52 comuni coinvolti. Oltre 5.500 tonnellate di cibo, più di 300.000 pasti, 851.000 farmaci e 13.738 libri, sono stati così salvati dal cestino.

E sempre sulla cattiva gestione del cibo, sono stati elencati i dati, misurati dal progetto Reduce – Spreco Zero del ministeroAmbiente e Università di Bologna che rivelano come ciascuno getti nella spazzatura 36 kg all’anno di alimenti. Il 35% di questo spreco potrebbe essere recuperabile e redistribuito. 

«La responsabilità nei consumi va di pari passo con una cittadinanza consapevole e rispettosa – afferma l’assessore Andrea Corsini -. Va coltivata una sensibilizzazione sociale e sugli stili di vita: dall’educazione nelle scuole, al monitoraggio nella grande distribuzione, allo sviluppo di una vera e propria cultura di riduzione dello spreco alimentare. Resta comunque da fare ancora parecchio per rendere più diffusi comportamenti di riduzione degli sprechi di cibo. La Regione c’è, ma i progetti hanno bisogno di risorse per camminare e produrre risultati, per questo mi auguro che l’attuale governo mantenga i contributi garantiti in questi anni dai governi precedenti».

«Mangiare è un atto di giustizia e di civismo: verso noi stessi, verso gli altri, verso il mondo – spiega Andrea Segrè -. I paradossi del cibo sono evidenti: 815 milioni di individui sulla terra soffrono la fame e una persona ogni tre è malnutrita. Ma intanto una persona su 8 soffre di obesità. A breve prenderanno il via le iniziative della campagna Spreco Zero per i primi 20 anni di Last minute market, un progetto nato fra l’autunno 1998 e la primavera ’99 che vogliamo celebrare con molte iniziative fino al 5 febbraio 2019, VI Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco. Tutti possiamo dare il nostro contributo».

Tornando al Rapporto, condotto su un campione rappresentativo della popolazione, fotografa su scala nazionale e regionale la situazione, i comportamenti da attuare e la percezione dello spreco alimentare sulle tavole. Lo spreco domestico rappresentaun danno economico secondo 9 italiani su 10 (93%), di forte impatto diseducativo sui giovani (91%). Nella pratica quotidiana il 63% degli intervistati dichiara di gettare il cibo una volta al mese (17%) o anche meno frequentemente (46%). Il 15% sostiene di gettare cibo una volta ogni due settimane, il 15% una volta a settimana e solo l’1% della popolazione afferma di gettarlo quotidianamente o quasi. Le ragioni sono intuibili: il cibo è scaduto (44%), ammuffito (41%), non ha un buon odore o sapore (39%) o è era stato acquistato in quantità eccessiva (36%).

Con particolare attenzione, l’Osservatorio Waste Watcher ha indagato i dati dell’Emilia Romagna, regione pilota rispetto ai recuperi Last minute market e motore della campagna Spreco Zero nata presso il Dipartimento di scienze e tecnologie agroalimentari dell’Università di Bologna.

Cibo scaduto e gettato: per il 92% degli emiliano romagnoli è un comportamento irresponsabile. In base al Rapporto, la presenza di cibo scaduto nelle dispense o in frigorifero è in testa alle ragioni dello spreco in regione (43%): indice di prodotti acquistati probabilmente in eccesso (40%) o ammuffiti (43%).

L’87% dei cittadini emiliano romagnoli getta il cibo due volte alla settimana o più raramente, il 15% una volta alla settimana e l’8% più volte nel corso di una sola settimana. Un comportamento che il 92% dei cittadini giudica irresponsabile. Così il 56% dei cittadini dichiara di conservare il cibo avanzato oppure consuma quello appena scaduto se ancora buono (46%) o controlla che venga mangiato prima della scadenza (41%).

Quali sono le strategie per la prevenzione dello spreco? Prima di tutto la pianificazione della spesa (85%), le confezioni intelligenti che cambiano colore (84%) e il controllo delle temperature del frigo (84%).

E rispetto ai figli, che regole si danno in casa? Non sprecare il cibo, per l’86%, scegliere la qualità (sempre 86%) e rispettare la stagionalità del cibo (85%); un po’ meno il risparmio negli acquisti (81%). E come ha influito la sensibilizzazione di questi anni? Sostanzialmente senza differenze per il 57% degli intervistati, mentre per 4 italiani su 10 lo spreco è diminuito (39%).

© Riproduzione Riservata