Bilancio UE 2019, raggiunto l’accordo provvisorio.

Disponibili 165,8miliardi di euro, quasi la metà destinati a stimolare la crescita economica. Obiettivo crescita, solidarietà e sicurezza in Europa e nel mondo. 

0
255
Bilancio UE 2019

Il Parlamento europeo e il Consiglio, con il sostegno della Commissione, hanno raggiunto un accordo provvisorio sul bilancio UE 2019. L’accordo dovrà essere confermato nel corso dell’ultima sessione plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo. I fondi comunitari continueranno ad essere investiti a sostegno di crescita e occupazione, ricerca e innovazione, studenti e giovani: le priorità della Commissione Juncker. La gestione efficace della migrazione e delle frontiere esterne dell’Unione, in linea con le proposte della Commissione del giugno e del novembre 2018, costituirà altresì una delle priorità del bilancio 2019.

Günther H. Oettinger, commissario per il Bilancio e le risorse umane, ha dichiarato che «l’accordo raggiunto dimostra che, restando uniti, possiamo produrre il valore aggiunto richiestoci dai nostri cittadini. Il prossimo obiettivo è il nostro bilancio a lungo termine per il periodo dopo il 2020 e mi auguro che lo spirito costruttivo e il pieno coinvolgimento di tutte e tre le istituzioni che hanno contrassegnato i negoziati per il bilancio 2019 saranno mantenuti nelle trattative a venire. Sarà nostro dovere impegnarci in vista di una sua tempestiva adozione, che consenta di non penalizzare gli scienziati, gli studenti, le imprese, gli agricoltori e le regioni dell’UE».

Il bilancio dell’Unione Europea per il 2019 prevede 165,8 miliardi di euro di stanziamenti di impegno (ovvero gli importi autorizzati in un determinato anno) e 148,2 miliardi di euro di stanziamenti di pagamento (ovvero i finanziamenti che saranno erogati). Tra gli elementi principali del bilancio si evidenzia che quasi la metà dei fondi80,5 miliardi di euro in stanziamenti di impegno – sarà destinata a stimolare l’economia, l’occupazione e la competitività in Europa; a titolo di esempio, 12,3 miliardi di euro (+10% rispetto al 2018) saranno erogati a Orizzonte 2020 – compresi 194 milioni di euro per una nuova impresa comune europea per il calcolo ad alte prestazioni – e 3,8 miliardi di euro a sostegno delle reti infrastrutturali attraverso il meccanismo per collegare l’Europa (CEF); altri 57,2 miliardi di euro, messi a disposizione tramite i fondi strutturali e d’investimento europei (fondi SIE), contribuiranno a ridurre le disparità economiche, sia a livello nazionale sia tra gli Stati membri;

l’UE sosterrà i giovani in vari modi: 2,8 miliardi di euro saranno destinati all’istruzione tramite il progetto Erasmus+ (+20% rispetto al 2018); il Corpo europeo di solidarietà permetterà di svolgere attività di volontariato o lavoro nell’ambito di progetti nel proprio paese o all’estero grazie allo stanziamento di 143 milioni di euro; altri 350 milioni di euro, resi disponibili mediante l’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile, saranno destinati a sostenere i giovani nelle regioni caratterizzate da un alto tasso di disoccupazione; gli agricoltori europei beneficeranno di 59 miliardi di euro.

La sicurezza sarà garantita all’interno e all’esterno delle frontiere dell’UE; come proposto dal presidente Juncker nel discorso sullo stato dell’Unione 2018, anche la guardia di frontiera e costiera europea, l’Agenzia dell’UE per l’asilo e altre agenzie che operano nel settore delle frontiere e dei visti riceveranno risorse supplementari nel 2019; il bilancio 2019 metterà inoltre a disposizione i mezzi necessari affinché lo strumento per i rifugiati in Turchia possa continuare a fornire cibo, istruzione e alloggio a quanti fuggono dalle guerre in Siria e altrove.

L’accordo per il bilancio UE 2019 si basa sul presupposto che il Regno Unito, dopo il suo recesso dall’Unione europea previsto per il 30 marzo 2019, continui a contribuire e a partecipare all’esecuzione del bilancio UE fino alla fine del 2020, come se fosse ancora uno Stato membro.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

© Riproduzione Riservata