Veneto, al via la consultazione per la nuova Pac

Pan: «consultazione allargata per decidere le priorità dinanzi a risorse in calo». 

0
242
nuova pac

Al via in Veneto la consultazione per la nuova Pac, un percorso di ascolto e confronto con tutte le oltre 300 sigle che rappresentano il mondo agricolo veneto. Così l’assessore regionale all’agricoltura, Giuseppe Pan, ha definito la conferenza regionale dell’agricoltura, l’evento che si è aperto a Padova, a Villa Ottoboni, con il primo di una serie di seminari, incontri e consultazioni online. Il percorso, che si avvale del supporto degli esperti del Crea e delle università di Padova e di Verona, indicherà i nuovi orizzonti dell’agricoltura veneta e le priorità della politica agricola, comunitaria, nazionale e regionale, con un documento finale che sarà presentato pubblicamente nella tappa conclusiva della conferenza regionale del 7 giugno 2019.

«Ci preme affrontare il futuro del settore agricolo e del più ampio contesto rurale nazionale ed europeo con strategie meditate e condivise – ha ribadito Pan agli oltre 250 interlocutori presenti a villa Ottoboni -. Il settore primario in Veneto conta oltre 100.000 aziende agricole, di cui 63.000 iscritte alla Camera di commercio, che gestiscono 800.000 ettari di superficie agricola coltivabile  e che nel 2017 hanno realizzato una produzione lorda di poco superiore ai 6 miliardi di euro e che, anche negli anni delle crisi, ha continuato a tenere alta l’asticella delle esportazioni – ha ricordato Pan -. Il Veneto è regione leader in Italia, per produzioni certificate e per volumi di export, in particolare nel settore vino.  Ma incombono nuove sfide, dettate dal cambiamento climatico, dalla sostenibilità ambientale, dalla competitività e distribuzione del valore, dall’innovazione, dall’occupazione giovanile e dalle possibilità di sviluppo dei territori rurali: sfide che ci impongono nuove strategie e strumenti per individuare soluzioni».

Secondo Pan, «tutti siamo consapevoli del ruolo e delle risorse a disposizione della Regione e sappiamo che sono limitate. Per questo è imperativo condividere il quadro di analisi per orientare gli sforzi possibili verso ciò che è veramente prioritario».

La grande consultazione, equiparabile ad una sorta di “stati generali” del settore primario, proseguirà online sino al 31 gennaio, raccogliendo osservazioni e contributi attraverso il portale dell’agricoltura veneta www.piave.veneto.it. Le tappe successive del percorso prevedono l’analisi dei dati raccolti dalla consultazione. Saranno valutati e utilizzati per redigere il documento che conterrà le indicazioni date dal partenariato per orientare le scelte dell’agricoltura veneta verso il 2030.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

© Riproduzione Riservata