Autovie Venete innova nei metodi per la riparazione dell’asfalto

Con 40.000 euro di investimento si passa dall’asfalto a freddo di scarsa durata ad un intervento chirurgico a caldo efficace e duraturo. 

0
97
Autovie Venete

Autovie Venete innova nei metodi per il ripristino del manto stradale eliminando le buche e le fessure che, spesso, si possono presentare a causa degli agenti atmosferici e del frequente passaggio dei mezzi pesanti. Con un investimento di circa 40.000 euro, la Concessionaria si è dotata di due macchinari in grado di intervenire efficacemente sulle rotture del manto stradale consentendo così rattoppi più duraturi rispetto ai vecchi metodi effettuati con il getto di asfalto a freddo.

Il primo utilizzo dei nuovi macchinari sul campo è stato in occasione dei lavori consequenziali all’apertura del viadotto sul Tagliamento. Gli uomini di Autovie Venete hanno “approfittato” per ripristinare la pavimentazione del vecchio manto stradale nel tratto tra San Giorgio di Nogaro al Nodo di Palmanova con una decina di interventi.

Fondamentale per mantenere la rete autostradale in condizioni ottimali di sicurezza è l’organizzazione che Autovie si è data per fronteggiare la presenza di deterioramenti sulle carreggiate. Sono gli ausiliari, durante i sopralluoghi, ad avvisare la sala radio, con la quale sono in contatto 24 ore su 24, di eventuali ammaloramenti della rete autostradale. La centrale invia quindi un messaggio al reparto di “manutenzione rete” che a sua volta valuta, a seconda della profondità e della gravità della buca, se affrontare l’intervento affidandolo al servizio di “manutenzione d’urgenza”.

Gli operai di Autovie Venete, per questo tipo di operazione, non sono più dotati di sacchi di asfalto a freddo, pale e macchine a pressione, ma di speciali apparecchiature per rimettere a nuovo la sede stradale. La prima – chiamata “macchina tappa buchi”, ma conosciuta negli ambienti tecnici come “riscaldatore d’asfalto” –  è una piastra dotata di ugelli di calore alimentati a propano in grado, grazie a una fiamma, di scaldare l’asfalto “bucato” sopra il quale viene posizionata. La superficie, raggiunta in circa dieci minuti la temperatura di 180 gradi, si scioglie e diventa lavorabile. Gli operai sono così in grado di rimodellare il miscuglio bituminoso, aggiungere sopra altro materiale a caldo contenuto in una vasca, e terminata l’operazione, agire con una piastra vibrante e ricompattare l’intero asfalto. Il vantaggio, a differenzadegli altri sistemi, è quello di unire, grazie proprio alla macchina compattatrice, l’asfalto esistente con quello nuovo, uniformando la superficie. Questo evita ciò che avviene sempre con l’asfalto a freddo, ovvero il distacco di pavimentazione pochi giorni dopo l’intervento di riparazione delle buche, a causa del passaggio dei mezzi pesanti.

La seconda apparecchiatura, il “Crack Jet II”, ha un bruciatore e un motore abbinato a un compressore ad alta pressione che è in grado, attraverso una lancia, di proiettare un getto di aria calda che, a sua volta, ha la funzione di pulire da detriti ed erbacce tutte le crepe che ci sono sull’asfalto. La temperatura raggiunge circa 1.200 gradi e crea un leggero scioglimento dell’asfalto. Un’altramacchina contemporaneamente riscalda, invece, un mastice gommoso e, movimentata dall’operatore, va a riempire la crepa, impedendo all’acqua e al sale sparso d’inverno di penetrare negli strati sottostanti il fondo stradale, evitandone l’ammaloramento.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

© Riproduzione Riservata