Friuli Venezia Giulia: bilancio di fine anno della giunta Fedriga

«La manovra di bilancio 2019 della Regione per il rilancio di sviluppo e occupazione». 

0
92
giunta Fedriga

Giunta Fedriga: bilancio dei primi mesi di mandato del governo regionale del Friuli Venezia Giulia da parte del governatore Massimiliano Fedriga con uno sguardo sul 2019. «Sono molto orgoglioso della mia prima legge di stabilità – ha esordito Fedriga – mi auguro per il 2019 di mettere in cantiere una manovra altrettanto forte e impattante per l’anno successivo. In questi primi mesi di mandato abbiamo iniziato a rispetare tutte le promesse fatte ai cittadini, avviando un processo di cambiamento non facile, ma necessario».

Il governatore non ha dubbi sul ruolo della Regione rispetto alle misure attuate per affrontare la crisi economica: «gli indicatori internazionali dicono che nel 2019 potrebbe verificarsi un rallentamento della ripresa: una prospettiva a fronte della quale abbiamo messo in campo misure anticicliche, come è giusto che un ente pubblico faccia in questi casi. Pensare, viceversa, di attuare politiche di austerità, significa agevolare la recessione, non certo la crescita».

Fedriga ha poi fatto una riflessione sull’assetto della Newco che subentrerà ad Autovie Venete Spa nella gestione della rete autostradale: «inizialmente era prevista la presenza del ministero delle Infrastrutture e trasporti nel consiglio di amministrazione, con diritto di veto sulle decisioni delle Regioni. Un’ipotesi che non era accettabile, per cui abbiamo previsto che il Mit non faccia parte del Consiglio, ma abbia la presidenza di un organo di indirizzo, cui spettano decisioni a maggioranza qualificata, che comprenda il voto favorevole del presidente. Stiamo pertanto valutando le carte che ci sono state rinviate da Roma e poi procederemo alla firma dell’accordo interistituzionale».

Quanto ai rapporti Stato-Regione, il governatore ha rimarcato la propria soddisfazione per aver limitato a 716 milioni la quota dovuta per il 2019 dal Friuli Venezia Giulia a Roma. «L’impegno – ha detto Fedriga – è ora rivolto a rivedere gli accordi in scadenza nel 2020 e, proprio a tal fine, a gennaio si aprirà un tavolo di confronto a Palazzo Chigi con, all’ordine del giorno, la ridiscussione delle compartecipazioni tributarie e delle competenze».

Il governatore ha quindi ripercorso i tratti salienti dei primi mesi di legislatura: su sanità («la grande rivoluzione della gestione sta nell’Azienda zero, che rimette sotto controllo la spesa sanitaria»); su impresa e lavoro («siamo la prima Regione in Italia ad avere un’agenzia di sviluppo che fa da regia unica sulla corrispondenza tra domanda e offerta di lavoro»); su funzione pubblica («abbiamo trovato un contratto collettivo di comparto che era una promessa elettorale, l’abbiamo trasformato in un contratto reale»); su infrastrutture («l’obiettivo sui cantieri della terza corsia è fare veloci, affinché l’estate 2019 sia l’ultima con i lavori in corso» e «non ci interessa mantenere il controllo regionale dell’aeroporto, ma trovare un partner industriale capace di portare nuovi vettori e quindi nuovi servizi a cittadini e imprese»); su autonomie locali («abbiamo riportato l’equilibrio tra i Comuni, senza penalizzare chi sta fuori o dentro le Uti»); su politiche per la famiglia («la manovra simbolo è la gratuità degli asili nido dal secondo figlio in poi per i redditi sotto i 50.000 euro, a sostegno della classe media»); su agricoltura («sul PSR è uno straordinario obiettivo aver raggiunto in sei mesi il triplo dei livelli di spesa erogati in tre anni e mezzo»); sulla tassazione («abbiamo dimostrato che si possono tagliare le tasse e contemporaneamente, con il taglio dell’Irap, fare della montagna un’opportunità e della nostra regione un luogo in cui conviene investire»); su turismo(«abbiamo rimesso in piedi gli impianti sciistici colpiti dal maltempo e rafforzato la promozione dell’agroalimentare e delle nostre specialità locali»); su ambiente («vogliamo essere una regione a rifiuti zero e introdurre misure a sostegno di chi riduce gli imballaggi o vende lo sfuso»); su sport («sarò probabilmente il presidente del comitato per Eyof, che rappresenta una grande opportunità economica e sociale, un evento che attraverso i giovani riporterà al centro i valori genuini di sport, pace e sana competizione»); su cultura(«abbiamo ridato dignità ai piccoli musei ma anche aperto le porte dei palazzi regionali alla cultura, affinché siano i palazzi di tutti»).

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

© Riproduzione Riservata