La “filiera del legno” in Veneto “vale” 10.000 aziende

1 su 2 è artigiana. Quasi la metà opera nelle aree coinvolte dalla tempesta di fine ottobre scorso. Intesa Sanpaolo mette a disposizione plafond di 100 milioni per la gestione del legno schiantato dal maltempo. 

0
635
filiera del legno

Le imprese venete coinvolte nella filiera del legno sono quasi 10.000 e una su due è artigiana e, nei territori maggiormente coinvolti dalla tempesta dello scorso fine ottobre (Belluno, Vicenza e Treviso) si contano 4.706 imprese, di cui il 49% artigiane.

A fotografare il “peso” del comparto per la regione è l’ufficio studi di Confartigianato Imprese Veneto (elaborazione dati Infocamere a settembre 2018) in occasione della sigla, da parte delle due organizzazioni territoriali di Belluno e Vicenza con Intesa SanPaolo, dell’accordo che mette a disposizione delle imprese della “Filiera del legno” un plafond di 100 milioni di euro complessivi, per la gestione del legname proveniente dai boschi colpiti dal maltempo.filiera del legno

Una fotografia di un settore manifatturiero che risulta essere sempre più importante per il “Made in Italy”. Le 9.988 aziende pesano per il 25% sulla produzione italiana della filiera, il Veneto è anche la prima regione italiana nel mobile per addetti, quasi 50.000 e fatturato (6,5 miliardi di euro). La filiera del legno e arredo del Veneto nel 2017 ha realizzato esportazioni per 2,9 miliardi di euro, pari al 26,2% del totale nazionale, con un incremento del 13,9% rispetto ai valori esportati nel 2008, confermandosi un’eccellenza del nostro territorio.

I dati economici e congiunturali confermano la centralità del Veneto nella filiera del legno-arredo consegnando il ritratto di un territorio strategico, stabilmente ai primissimi posti a livello nazionale con delle particolarità interessanti se si scende nell’analisi dei vari settori che la compongono. Partendo da quelle di prossimità del bosco – le segherie ad esempio – emerge come il 68% delle 383 realtà abbiano sede nelle tre provincie interessate: Treviso è al vertice con 133 imprese seguita da Vicenza 90 e Belluno 37.

A Belluno è la carpenteria in legno ad essere il settore più popoloso con 214 aziende che sommate alle 338 di Treviso e le 290 di Vicenza porta le tre aree a rappresentare il 50% del totale regionale. Resta comunque Treviso nel complesso la provincia veneta più interessata dalla filiera con ben 2.417 aziende operative nei vari settori (l’arredo è quello più numeroso con 1.500 attività), segue Vicenza con 1.813 ditte. Belluno ne ha 476 ma è quella più esposta sul versante di lavorazione primaria.

Se si passa poi alla compagine artigiana della filiera, emerge con forza la specializzazione della provincia di Belluno dove l’artigianato “pesa” per il 74% con punte del 92% nella carpenteria in legno, segue Vicenza con il 51% dato superiore alla media regionale “ferma” al 49%. Treviso, più area di trasformazione, vede scendere la quota artigiana al 42%. Il valore artigiano del sistema legno è certamente uno dei fattori che contribuisce all’eccellenza produttiva, al design ed alla innovazione incrementale. E motivo per cui la filiera del legno-arredo può diventare il laboratorio (estendibile anche ad altri comparti) nel quale sviluppare modelli innovativi per entrare in nuovi mercati.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

@nestquotidiano

https://twitter.com/nestquotidiano

© Riproduzione Riservata