Conti pubblici: nel 2018 gli investimenti dello Stato crollati di 8 miliardi (-23%)

Ferrara (Unimpresa): «il Paese ha bisogno di opere pubbliche sia per il rilancio dell’economia che per realizzare le infrastrutture che mancano».

0
359
conti pubblici

Più sprechi e meno investimenti nei conti pubblici: peggiora la qualità della spesa pubblica nel 2018, anno primo dell’era del governo gialloverde a trazione M5s che occupa le caselle dei ministeri allo Sviluppo economico e alle Infrastrutture. Crollano le uscite in conto capitale a carico del bilancio dello Stato, diminuite di quasi 8 miliardi di euro rispetto al 2017 con una contrazione superiore al 23%. E, nello stesso periodo di tempo, sono aumentate le uscite correnti, salite di 27 miliardi con una variazione positiva pari al 7%.

Questi i dati principali sui conti pubblici che emergono da un’analisi del Centro studi di Unimpresa sulla spesa pubblica italiana nei primi 10 mesi del 2018. Secondo l’analisi, il totale della spesa per investimenti è passato da 33 miliardi a 25 miliardi, mentre le uscite correnti sono passate da 386 miliardi a 414 miliardi.

«Mentre si discute sulla Tav Torino-Lione, grande opera che taluni vorrebbero interrompere, noi segnaliamo che il Paese sembra aver comunque già deciso di rinunciare alle infrastrutture, che invece sono decisive per la crescita e lo sviluppo dell’economia – commenta il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara -. Il gap che proprio in termini di infrastrutture da anni si registra fra l’Italia e i sistemi economici più avanzati va colmato. Rinunciare alle grandi opere è un errore che non possiamo permetterci, sarebbe un danno enorme per l’intero tessuto imprenditoriale italiano».

Secondo lo studio di Unimpresa, basato su dati della Banca d’Italia, il totale delle spese a carico del bilancio pubblico è salito, nei primi 10 mesi del 2018, di 20,2 miliardi (+4,83%) rispetto al periodo gennaio-ottobre 2017, passando da 419,9 miliardi a 440,1 miliardi. Sulla variazione positiva pesa l’aumento delle spese correnti, salite di 27,8 miliardi (+7,20%), passando da 386,9 miliardi a 414,7 miliardi. Nello stesso arco temporale, risultano in netta discesa le spese in conto capitale (investimenti), crollate di 7,5 miliardi (-23,02%) da 32,9 miliardi a 25,3 miliardi.

L’analisi di Unimpresa sui conti pubblici passa sotto i riflettori anche l’andamento degli incassi di bilancio. Le entrate totali sono calate di 25,8 miliardi (-6,88%) nel 2018 rispetto al 2017, passando da 375,1 miliardi a 349,3 miliardi. Nel dettaglio, sono diminuite di 27,5 miliardi (-8,13%) le entrate tributarie, scese da 338,9 miliardi a 311,4 miliardi; le entrate di natura non tributaria sono invece salite di 1,7 miliardi (+4,84%) da 36,1 miliardi a 37,9 miliardi. conti pubbliciconti pubblici

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

@nestquotidiano

https://twitter.com/nestquotidiano

© Riproduzione Riservata