La Giunta regionale sostiene la Festa della Patria del Friuli

L’assessoreato alle autonomie locali incarica l’Arlef di organizzare l’evento. Roberti: «l’evento valorizza le origini, la cultura e la storia di autonomia del popolo friulano». 

0
417
Festa della Patria del Friuli

La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta dell’assessore alle autonomie locali Pierpaolo Roberti, ha approvato il programma per la realizzazione di manifestazioni culturali per la celebrazione della Festa della Patria del Friuli (“Fieste de Patrie dal Friûl”) 2019-2021, per il quale la Regione ha messo a disposizione dell’Agenzia regionale per la lingua friulana (ARLeF – Agjenzie regjonâl pe lenghe furlane), quest’anno, 50.000 euro.

«La Festa della Patria del Friuli valorizza le origini, la cultura e la storia di autonomia del popolo friulano. La Giunta Fedriga vuole dare sostegno e continuità ad una ricorrenza che rappresenta un momento importante anche per rievocare e ripensare in chiave moderna le forme di autogoverno e rappresentatività che, per molti anni, hanno caratterizzato la Patria del Friuli» ha indicato Roberti, ricordando come da quasi 40 anni, vengono organizzate su tutto il territorio friulano diverse manifestazioni culturali per celebrare la Festa della Patria del Friuli che culminano in un unico evento organizzato ogni anno in un comune diverso del Friuli.

«Quest’anno la manifestazione principale della “Fieste de Patrie dal Friûl” si terrà il prossimo 7 aprile a Gorizia – sottolinea Roberti -, mentre nel 2020 sarà ospitata dal comune di Udine e nel 2021 sarà invece individuato un comune del Friuli Occidentale».

L’evento a Gorizia prevede la Santa messa in lingua friulana officiata dai tre rappresentanti delle diocesi friulane, cui seguirà la manifestazione civile con la lettura della bolla imperiale istitutiva dello Stato patriarcale, il passaggio della bandiera dal vecchio al nuovo comune ospitante e gli interventi delle autorità. Saranno realizzate, inoltre, delle iniziative culturali per far conoscere le numerose sfaccettature della lingua e della cultura friulana. Al comune ospitante sarà riservata una linea specifica di finanziamento, pari a 7.500,00 euro per l’organizzazione della manifestazione principale e per la realizzazione di iniziative culturali. Ulteriori 7.500,00 euro saranno utilizzati dall’ARLeF per informare e promuovere la “Fieste de Patrie” fra la cittadinanza, in particolare attraverso i media.

I restanti fondi, pari a euro 35.000,00 saranno destinati a tutti gli altri enti locali, mediante apposito bando emanato dall’ARLeF, per finanziare le iniziative volte a far conoscere e/o approfondire la lingua, la storia e la cultura friulane, rendendo partecipi soprattutto le generazioni più giovani, diffondere ulteriormente la conoscenza e l’uso dei diversi strumenti linguistico-informatici esistenti, come il “Grant Dizionari Bilengâl Talian-Furlan” o il “Coretôr Ortografic Furlan” ma anche per far conoscere la letteratura friulana e il mondo dell’editoria in lingua friulana e a favore di rappresentazioni teatrali e concerti musicali di qualità in lingua friulana.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

@nestquotidiano

https://twitter.com/nestquotidiano

© Riproduzione Riservata