Birra +6% in Italia nell’ultimo trimestre 2018

Lo rivelano i dati di Assobirra Monitor. Non più solo picchi in estate, ora in Italia le vendite di birra crescono anche nei mesi freddi. Crescita decisa dei birrifici artigianali. 

0
277
birra

Non più solo picchi in estate, ora le vendite di birra crescono anche nei mesi freddi: +6% negli ultimi tre mesi del 2018 rispetto all’anno precedente. A fotografare l’evoluzione dei consumi e la crescita di una cultura birraria nel Paese è l’ultima edizione di AssoBirra Monitor, il rapporto quadrimestrale sull’andamento delle vendite nel Paese delle imprese aderenti ad AssoBirra, l’associazione che raccoglie circa 40 associati tra grandi, medi e piccoli birrifici insieme con le 2 malterie, rappresentativa di più del 90% della produzione nazionale e del 71% di birra immessa al consumo in Italia.

L’incremento registrato in questi tre mesi è significativo se si tiene conto dell’eccezionalità dei periodi freddi, considerati “fuori stagione” per il consumo di birra. In particolare ottobre registra il dato più alto del trimestre con +9% sul 2017 e 935.212 ettolitri di birra venduti, seguito da novembre con una crescita del 4%. Chiude dicembre con +6% sui risultati mensili del 2017.

«I dati sulle vendite dell’ultimo trimestre del 2018 – afferma Michele Cason, presidente di AssoBirra -, sono sicuramente la testimonianza che è in atto una vera e propria destagionalizzazione della birra dovuta a diversi fattori. Innanzitutto l’apprezzamento degli italiani per l’accresciuta varietà dell’offerta a cui si aggiunge un cambiamento delle modalità di consumo e un crescente desiderio di conoscenza dell’universo birrario. Oggi il 43% degli italiani mostra una propensione alla sperimentazione di birre nuove, non conosciute, con livelli di consumo che toccano quota 61% nei locali (ristoranti, pizzerie, pub, bar) durante i pasti e del 64% a casa propria durante la cena, con impatti economici positivi sul canale Ho.Re.Ca, sulla gdo e sulla distribuzione tradizionale. Si va nella direzione  – conclude Cason – di un consumo che si allarga ad altri luoghi, contesti, situazioni e di una maggiore consapevolezza delle caratteristiche della birra, dei suoi processi produttivi e del legame col territorio».

Intanto, continua la crescita dei birrifici, specie quelle artigianali. Secondo la ricercaGli italiani e la birra” commissionata da Assobirraad Astraricerca, nella sola Emilia Romagna ci sono stati 15 nuove aperture negli ultimi 5 anni (+88%), incalzata da Liguria, Toscana, Marche e Umbria, con +41%. L’andamento del comparto sta generando impatti economici positivi sia per il settore Ho.Re.Ca, sia per quello della distribuzione organizzata. «Nell’area territoriale che aggrega Emilia Romagna, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, i consumi di birra dichiarati dagli intervistati – spiega Cason – toccano quota 78%, con punte dell’86% relativamente al consumo in casa. Su 10 birre comprate, il 40% degli abitanti del Centro Alto dichiara di consumarle circa la metà in locali, bar e ristoranti. La birra – sottolinea Casonè entrata sempre di più nelle abitudini di consumo degli italiani. Risultati che vanno oltre il contributo economico e che sono lo specchio di un comparto poliedrico portatore di valori distintivi, grazie alla compagine della sua filiera, a cominciare dalla qualità delle materie prime e di una filiera tra le più innovative che ha saputo modernizzarsi prima di altre, rappresentando il fiore all’occhiello nel sistema agro-alimentare del Paese».

Quanto alle linee di prodotto, se all’estero domina l’esagerazione a tutti i costi – dalle birre con marshmallows a quelle fluorescenti o glitterate – le tendenze di consumo confermano che in Italia resta il primato delle American Pale Ale (APA) e delle India Pale Ale (IPA) in tutte le loro declinazioni. Che siano d’ispirazione anglosassone o americana, leggere come le Session IPA o dalla gradazione alcolica importante e con l’aggiunta di aromi intensi come le Imperial IPA, chiare e fruttate come le White IPA, o scure con sentori di caffè e pane tostato come le Black IPA, le birre luppolate sono ancora la passione di produttori e consumatori. Vera rivelazione di quest’anno, sono le Brut Ipa: sono birre caratterizzate da una particolare secchezza che è valsa loro il soprannome di “birre-champagne”. Restano protagoniste, inoltre, le birre con ingredienti a “km 0” – cereali, miele, castagne e tanta frutta del territorio di appartenenza dei birrifici – e quelle “invecchiate” nelle botti in legno (Barley Wine). Spazio anche al primo stile autoctono italiano, le IGA (Italian Grape Ale), che prevedono l’aggiunta di vino, mosto o uva nel processo di lavorazione. Suddivise in red e white Grape Ale, a seconda dell’uva utilizzata, sono ormai un must del panorama birrario tricolore sempre più apprezzato (e imitato) anche all’estero.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

@nestquotidiano

https://twitter.com/nestquotidiano

o,  ancora, su Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano

© Riproduzione Riservata