Emergenza Venezuela all’attenzione del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia

I capigruppo guidati dal presidente Zanin incontrano una delegazione di corregionali venezuelani. 

0
248
emergenza venezuela

Sull’emergenza Venezuela il presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Piero Mauro Zanin, insieme con l’assessoreall’emigrazione, Pierpaolo Roberti, e i rappresentanti dei Gruppi consiliari ha incontrato una delegazione di corregionali venezuelani.

L’incontro è servito per illustrare le gravissime condizioni in cui vivono i connazionali italiani e i corregionali friuliani e i loro discendenti, in una realtà caratterizzata da un clima di durissimo scontro politico e di violenza, dalla mancanza di prodotti alimentari e medicinali, dalla difficoltà degli approvvigionamenti, da grandi problemi in campo sanitario, sociale ed economico in cui versa un Paese ricchissimo per materie prime e ora allo sbando.

A descrivere la situazione, e a portare testimonianze vissute sulla propria pelle e dei propri familiari, il presidente del Fogolar Furlan di Caracas, Enzo Gandin, 90 anni, costretto a fuggire dal Paese e a rientrare in Italia lasciando in Venezuela diversi familiari. Con lui, all’incontro la figlia Claudia, insieme con Nives Missana, Moreno Valentich e Oscar Floreani, venezuelano di genitori da Buia e Tarcento, che a sua volta ha narrato alcune vicende drammatiche personali e della sua famiglia. Un incontro legato anche al fatto che il Consiglio regionale ha all’ordine del giorno la discussione di una mozione presentata dal Pd per sostenere il popolo e la democrazia in Venezuela.

Zanin ha ricordato di aver avuto le prime drammatiche testimonianze dal console generale d’Italia a Rosario, Martin Brook, incontrato nel corso della recente visita istituzionale in Argentina; informazioni oggi confermate in una gravità ancora maggiore.

Da parte della delegazione, che ha spiegato come gli aiuti umanitari non arrivino a destinazione per vie ufficiali, la sollecitazione a trovare modalità di intervento attraverso le associazioni di corregionali e inoltre l’appello affinché la Regione solleciti il Governo perché l’ambasciata italiana diventi un punto di riferimento per i connazionali ed elabori un piano di aiuti, al pari di quanto fanno le sedi diplomatiche degli altri Paesi che aiutano i loro concittadini.

Un appello bipartisan, a tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale, che ha trovato piena attenzione da parte del presidente del Consiglio e negli interventi dei consiglieri Moretti, Bolzonello e Di Bert, in rappresentanza di tutti i Gruppi, e dell’assessore Roberti che si è impegnato a valutare le modalità di utilizzo dei fondi per l’emigrazione attraverso l’appoggio delle associazioni di emigranti che sono gli interlocutori istituzionali della Regione.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

@nestquotidiano

https://twitter.com/nestquotidiano

o,  ancora, su Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano

© Riproduzione Riservata