Il Trentino entri nell’Interreg Italia-Austria

L’organizzazione di cooperazione transfrontaliera annovera Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e gran parte delle province del Veneto. Interrogazione a ministri Ue-Regioni della senatrice FI Elena Testor per includervi anche la Provincia di Trento. Analogo provvedimento da parte del deputato azzurro Dario Bond per farvi rientrare le province di Verona, Venezia e Rovigo.

0
328
Interreg Italia-Austria

La collaborazione transfrontaliera tra paesi confinanti è favorita dalle politiche comunitarie che cofinanziano le attività proposte e tra queste c’è Interreg Italia-Austra che riguarda gran parte del NordEst. Gran parte, visto che manca la provincia di Trento e alcune province del Veneto. Ma qualcosa potrebbe cambiare.

«In queste settimane si sta discutendo a Bruxelles del nuovo finanziamento del Fondo europeo di sviluppo regionale 2021/2027, di cui fa parte il programma VI Interreg Italia-Austria, uno degli strumenti chiave dell’Unione europea, a sostegno della cooperazione transfrontaliera finalizzato ad affrontare problematiche in settori come la salute, l’ambiente, la ricerca, l’istruzione, i trasporti, l’energia sostenibile. Non si comprende perché finora la Provincia di Trento, che dista pochi chilometri dall’Austria, sia stata esclusa da questo programma» afferma la senatrice trentina di Forza Italia, Elena Testor che ha presentato un’interrogazione «per chiedere ai ministri degli Affari europei e degli Affari regionali e alle autonomie se esistano ragioni ostative alla sua partecipazione e quali iniziative intendano perseguire affinché il Trentino sia ammesso al programma».

Secondo Testor «il programma europeo ha una dotazione di oltre 100 milioni di euro, risorse che servirebbero molto alle nostre comunità, in un’epoca di continui tagli. Trovo superfluo ricordare i legami storici, culturali e geografici che legano la provincia trentina all’Austria e allo stesso Alto Adige per il tramite dell’ente Regione. Come evidenti sono le specificità da preservare e valorizzare, penso alle comunità Ladine, Cimbre e Mochene».

Sulla stessa lunghezza d’onda s’inserisce il deputato bellunese di Forza Italia, Dario Bond che chiede «l’allargamento dell’Interreg Italia-Austria a tutte le province del Veneto, in quanto Verona, Venezia e Rovigo si vedono discriminate rispetto a Vicenza e Treviso o a Pordenone, che pur non confinanti direttamente con l’Austria, fanno parte del programma». Anche Bond presenterà una propria interrogazione ai ministri degli Affari europei e delle Regioni per estendere l’Interreg Italia-Austria a tutto il Veneto.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

@nestquotidiano

https://twitter.com/nestquotidiano

o,  ancora, su Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano

© Riproduzione Riservata