Nuovo Corecom FVG ricevuto da Zanin

Passaggio di testimone in Consiglio regionale dall’uscente presidente Marzini a quello nuovo Trampus. 

0
158
Corecom FVG
Corecom fvg da sx pres uscente Giovanni Marzini, nuovo presidente Mario Trampus, Antonella Eloisa Gatta, Cristina Vescu

Il Comitato regionale per le comunicazioni del Friuli Venezia Giulia (Corecom FVG) è stato ricevuto dal presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, nella sua nuova composizione: il neo-presidente Mario Trampus, Cristina Vescul e Antonella Eloisa Gatta. L’incontro è stato anche l’occasione per ringraziare il presidente uscente, Giovanni Marzini, «dei 5 anni della sua dirigenza di questo che più di tutti – ha sottolineato Zanin – è un organismo di garanzia e vigilanza al servizio dei cittadini».

Tra le principali competenze del Corecom FVG vi sono la gestione delle controversie tra utenti e compagnie telefoniche, ma anche la vigilanza sul settore dei media locali e la regolamentazione dell’accesso ai programmi radiofonici del Servizio pubblico regionale.

Zanin ha quindi evidenziato vari aspetti che si rifanno al lavoro del Comitato, a cominciare dalla necessità di dotarlo di sedi più appropriate all’accoglienza, proprio perché rappresenta l’interfaccia tra l’istituzione legislativa e il cittadino. Zanin ha poi sottolineato il rapporto sinergico che ci deve essere tra Consiglio regionale e Corecom, anche attraverso un coordinamento tra i vari organi di garanzia e di tutela dei diritti delle persone. Oltre al supporto che già il Consiglio garantisce attraverso la messa a disposizione di suoi funzionari. Non da ultimo, l’importanza di integrare il Comitato con competenze complementari a quella, pur fondamentale, della comunicazione.

L’ex presidente Marzini ha parlato in termini di esperienza quinquennale positiva e interessante; di incontri importanti di interscambio che avvengono quasi ogni mese tra i responsabili dei Corecom regionali; di mondo dell’emittenza locale privata che oggi più che mai si rivolge al Corecom per un aiuto in veste di organo funzionale sul territorio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom); di controllo della rete, che è topico «perché la rete non la controlli», ha detto Marzini sottolineando l’importanza del coordinamento con la Polizia postale, piuttosto che con il Tribunale dei Minorenni o il Garante regionale dei diritti della persona, per la lotta al cyberbullismo. «La squadra con cui lavorerà all’interno del Comitato – ha poi concluso Marzinirivolgendosi al presidente entrante Trampus – è molto valida, e non solo per quanto riguarda i funzionari che gestiscono le conciliazioni».

«Grazie per la fiducia che mi avete dato – ha affermato Mario Trampus -. Si tratta di un settore nuovo per me, ma non differente per quanto riguarda l’approccio e il contatto con il cittadino grazie alla mia esperienza da Garante del contribuente. Affronterò questa nuova prova con umiltà, ma anche con molta attenzione e diligenza, non rifiutando l’aiuto che Marzini si è già detto disponibile a offrirci nel periodo di instaurazione». E buoni propositi sono stati espressi anche da Cristina Vescul e Antonella Eloisa Gatta, entrambe affermando di voler mettere a disposizione tutta la propria esperienza, si tratti del campo dell’informazione per Vescul, e del diritto per Gatta.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

@nestquotidiano

https://twitter.com/nestquotidiano

o,  ancora, su Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano

© Riproduzione Riservata