Banca Mondiale: progetto da 90 milioni di dollari per Balcani

Obiettivo il miglioramento della rete dei trasporti. Parte di una più ampia iniziativa da 140 milioni di dollari. 

0
249
banca mondiale

La Banca Mondiale ha approvato un progetto da 90 milioni di dollari (79,9 milioni di euro), parte di una più ampia iniziativa da 140 milioni di dollari, per sostenere i Paesi dei Balcani occidentali nell’abbassamento dei costi commerciali e nel miglioramentodell’efficienza dei trasporti.

«Il progetto finanzierà la progettazione, lo sviluppo e l’attuazione di iniziative per migliorare la trasparenza, ridurre i costi di transazione, migliorare il coordinamento tra agenzie e ridurre il tempo necessario per il commercio transfrontaliero – afferma la Banca -. I ritardi nel passaggio delle frontiere nei Balcani occidentali sono cinque volte superiori rispetto a molti Paesi Ue e i camion trascorrono circa 26 milioni di ore ai valichi frontalieri della regione ogni anno – si parla di quasi 3.000 anni» in totale, ha calcolato Linda Van Gelder, direttore regionale della Banca mondiale per i Balcani Occidentali.

Il progetto si concentrerà in particolare su Serbia (40 milioni), Macedonia del nord (30) e Albania (10). L’obiettivo primario è ridurrei costi annuali di esportazione e importazione di oltre il 10%, oltre alle emissioni di gas serra, riducendo i tempi d’attesa alle frontiere per i Tir. L’eccessivo tempo trascorso alle frontiere «attenua l’efficienza, aumenta i costi e ostacola gli scambi» sostiene la Banca Mondiale.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

@nestquotidiano

https://twitter.com/nestquotidiano

o,  ancora, su Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano

© Riproduzione Riservata