Terremoto nel governo austriaco: Strache si dimette da vicecancelliere

L’esito di un’imboscata ai danni della Fpoe in un video che risale al 2017 diffuso ad una settimana dalle elezioni europee, dove Strache ed altri esponenti del suo partito trescano per manipolare la stampa ed eliminare i nemici politici.

0
174
heinz christian strache leader fpo austriaca 2

Ad una settimana dalle elezioni europee, a Vienna è scoppiato il terremoto politico con le dimissioni dalla carica di vicecancelliere del leader del partito di destra FPOe, Chrisian Strache a seguito della diffusione di un video girato nel luglio del 2017 a Ibiza e diffuso nelle ultime ore dai media tedeschi Der Spiegel e Sueddeutsche Zeitung, video che ha portato in strada centinaia di persone che chiedono le dimissioni di tutto il governo ed elezioni anticipate.

Nel video si vede Strache seduto sulle poltrone di un salotto di un appartamento davanti ad un tavolino con bicchieri e bottiglie in compagnia di alcune persone. Accanto a lui, Aljona Makarowa, nipote di un ricco oligarca russo vicino al presidente Vladimir Putin, e di fronte Johann Gudenus, all’epoca vice sindaco di Vienna e fino ad oggi (anche lui si è dimesso) capogruppo della FPOe in Parlamento.

Il video si riferisce al periodo della campagna elettorale per le elezioni politiche del 2017 che poi porteranno Strache a ricoprirel’incarico di vice cancelliere del governo di coalizione con il leader dei Popolari, Sebastian Kurz, oltre a quello di ministro del Servizio civile e dello Sport. Durante l’incontro si parla di favorire aziende russe per importanti commesse e di come arrivareall’acquisto di quote (la donna aveva offerto circa 250 milioni di euro) della Kronen Zeitung, il maggiore tabloid austriaco.

Dall’ascolto della conversazione, si evince che Strache era intenzionato a boicottare Hans Peter Haselsteiner, 75enne magnatedelle opere pubbliche, da diversi anni trasferitosi a Bolzano, patron del gruppo Strabag, multinazionale che si occupa della costruzione di grandi infrastrutture quali strade, autostrade ed opere di edilizia pubblica e che ha costruito molto proprio in Russia. Haselsteiner, definito anche il “Paperone dell’Alto Adige” per via dei suoi guadagni (nel 2015 è stato rinviato a giudizio per omessa dichiarazione dei redditi e presunta evasione per 8 milioni di euro in Italia – pagava le tasse solo in Austria). Strache nel video riferisce alla Makarowa di voler «fondare una società come la Strabag e, quando sarà al governo, di non aver più nulla a che fare con Haselsteiner».

Strache, odontotecnico di professione, è entrato in politica nel 1991. Considerato il delfino del defunto Joerg Haider, dal 23 aprile del 2005, era anche leader della FPOe, partito liberale nazionalista e populista di destra. Il primo successo alle elezioni è del 2008con il 17,5% (34 seggi). Nove anni dopo, alle elezioni politiche del 2017, la FPOe ottiene il 26% dei consensi (51 seggi) nel Parlamento di Vienna diventando il secondo partito della coalizione di governo con i Popolari di Kurz.

Nella conferenza stampa in cui ha comunicato le dimissioni, Strache ha parlato di «assassinio politico mirato» aggiungendo che «è stato uno stupido, irresponsabile, un errore, tipico atteggiamento da macho alcolizzato». In 14 anni a capo della FPOe, ha denunciato, «ci sono stati molti tentativi di abbattermi, ho sopportato un sacco di calunnie». Ma questa volta ha dovuto, almeno per il momento, capitolare.

Per la successione alla vicecancelleria è stato indicato il vice Norbert Hofer, 48 anni, ministro delle Infrastrutture e candidatoalle presidenziali 2016 poi vinte dal verde Alexander van der Bellen. Bisognerà vedere la reazione di Kurz, che ha annunciato una sua dichiarazione in tarda serata.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”,

iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

o  ancora, su Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

o su Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata