Rapporto agroalimentare Emilia Romagna; settore in salute

Nel 2018 l'agricoltura consolida il valore della produzione a 4,7 miliardi (+0,4%). L'industria alimentare conferma la tendenza di crescita del fatturato (+0,5%). Prosegue la corsa dell'export, 6,5 miliardi (+3,5%). Boom del biologico. 

0
222
Rapporto agroalimentare Emilia Romagna economia agricola

È un consuntivo a tinte rosee quello che emerge dal Rapporto agroalimentare 2018 sul sistema primario dell’EmiliaRomagna, frutto per il XXVI anno consecutivo della collaborazione tra Regione Emilia Romagna e Unioncamere regionale. Lo studio, che rappresenta la più completa e aggiornata fotografia del settore, è stato presentato a Bologna.

L’agroalimentare dell’Emilia Romagna consolida la propria posizione, sfiorando nel 2018 quota 4,7 miliardi di euro (+0,4%) di valore della produzione agricola (Plv), in ulteriore crescita dopo aver raggiunto nel triennio 2015-2017 numeri da primato. Si conferma, inoltre, l’andamento di crescita anche per l’industria alimentare (+0,5% il fatturato aggregato).

Bene anche l’export delle eccellenze regionali, dal Parmigiano Reggiano ai vini di qualità, che migliora la già brillante performance del 2017, totalizzando quasi 6,5 miliardi di euro di vendite oltreconfine (+3,5%). In lieve calo il ricorso al credito agrario, che sfiora complessivamente i 5,5 miliardi di euro (-0,8%). Al tempo stesso, però, si riduce la quota di quello in sofferenza, pari al 5,9% del totale. Assestata sulle 70.000 unità l’occupazione nei campi e aumenta la presenza delle donne tra i lavoratori autonomi.rapporto agroalimentare

L’andamento del valore della produzione agricola: +5,8% per la zootecnia, in ripresa pesche (+35,7%) e nettarine (+25,4%) e vino (+35%)

Dopo la corsa degli ultimi anni, nel 2018 il valore della produzione agricola, Plv, di campi ed allevamenti ha rallentato il ritmo di crescita. Nonostante la flessione delle quantità prodotte (-1,6%), il bilancio dell’annata – secondo le stime elaborate dalla Direzione generale dell’assessorato regionale – si chiude comunque in positivo, con un valore della produzione di poco inferiore ai 4,7 miliardi di euro.

Esaminando l’andamento dei principali settori produttivi, il vero motore propulsivo dell’economia agricola regionalesì è confermata ancora una volta la zootecnia (quasi 2,4 miliardi di euro, +5,8%), che ha superato per la prima volta in valore assoluto l’insieme delle produzioni vegetali (circa 2,3 miliardi, -4,7%).  Rapporto agroalimentare Agricoltura Emilia Romagna salumi prosciutto di parma

Tra le produzioni zootecniche in particolare si consolida anno dopo anno la crescita del comparto latte, con prezzi in aumento di circa il 10%, trascinati al rialzo dal buon andamento di mercato del Parmigiano Reggiano. Arretrano, invece, le produzioni vegetali, penalizzate dal calo della Plv di grano duro (-15% circa) e barbabietola (-35%). Così come la frutta invernale – mele (-22,4%), pere (-14,3%) e kiwi (-37,7%) – in ripresa pesche (+35,7%) e nettarine (+25,4%). Ottima la vendemmia come qualità e quantità di vino e mosti prodotti (+35%).

Prosegue la corsa dell’export: +3,6%. Nei Paesi Ue l’81,3% dei prodotti regionali 

Nel 2018 è proseguito l’andamento favorevole dell’export agroalimentare, per un controvalore di quasi 6,5 miliardi di euro (+3,6%), pari al 10,2% del totale delle vendite all’estero delle imprese emiliano romagnole. Cresce pure l’import, che arriva a toccare quota 6,55 miliardi di euro (+4,1%), con la bilancia commerciale che finisce in sostanziale pareggio.

Tra le specialitàMade in Emilia Romagna” che tirano di più sui mercati esteri spiccano in ordine di importanza le carni lavorate e trasformate (circa 1.260 milioni di euro), i prodotti lattiero-caseari (803 milioni), quelli da forno e i farinacei (622,5), frutta e ortaggi lavorati (576 milioni) e frutta fresca (510 milioni di euro).

La Germania si conferma il principale mercato di esportazione per le eccellenze agroalimentari regionali, con una quota del 18,45%, seguita da Francia (14,11%), Regno Unito (7,43%) e Usa (7,06%). Nell’insieme i 28 Paesi aderenti all’Unione europea hanno assorbito nel 2018 l’81,3% dell’export regionale.

La provincia dell’Emilia Romagna che svetta su tutte le altre per vocazione all’export alimentare è sempre Parma, per un controvalore di 1,58 miliardi di euro, seguita da Modena (quasi 1,4 miliardi), Ravenna (720 milioni), Reggio Emilia (625 milioni), Bologna (circa 600), Forlì-Cesena (oltre 560), Piacenza (circa 420), Ferrara (oltre 390) e Rimini oltre 220 milioni).

Biologico e agriturismo i settori emergenti. Oltre 890 milioni di contributi dal Piano di sviluppo rurale

Tra i settori emergenti, nel 2018 è proseguita la corsa dell’agricoltura biologica, con nuove adesioni che a fine anno hanno visto salire il numero complessivo di aziende a quasi 6.300 (+13% sul 2017). Meglio ancora le superfici, che hanno superato quota 155.000 ettari, pari a circa il 15% della Sau regionale. In aumento anche le produzioni “integrate”, che hanno ricevuto una forte spinta da un bando del Programma regionale di sviluppo rurale che ha coinvolto un’estensione di oltre 110.000 ettari.  Rapporto agroalimentare cesto agricoltura biologica ortaggi

Si consolida anche l’agriturismo, che in Emilia Romagna annovera oltre 1.150 aziende, con una forte incidenza della componente imprenditoriale femminile (oltre il 40%), e che l’anno scorso ha registrato un forte aumento di presenze turistiche (quasi 155.000), di cui un quarto stranieri.

A sette anni dal devastante sisma del 2012 per quanto riguarda l’agricoltura sulla piattaforma Sfinge (attività produttive) sono stati finanziati oltre 1.300 progetti di ricostruzione, con più di 625 milioni concessi e circa 450 milioni liquidati. Le pratiche liquidate sulla piattaforma Mude (abitazioni e edifici) sono state invece più di 2.200, per un totale di oltre 500 milioni di finanziamenti concessi.

Infine, facendo il punto sullo stato di attuazione del Psr, a fine 2018 il valore complessivo delle risorse messe a bando aveva superato il miliardo di euro, con più di 890 milioni di contributi concessi; cifre che corrispondono rispettivamente al 90% e al 75% della dotazione finanziaria dell’intero Psr 2014-2020. A fine 2018 erano già stati pagati 366 milioni di euro di contributi.

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”,

iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

o  ancora, su Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

o su Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata