Colori d’autunno al mercato Coldiretti per dare ai consumatori prodotti di qualità a minor prezzo

0
193

Appuntamento giovedì 3 novembre a S. Maria di Occhiobello (RO)

Il verde del kiwi, l’arancio delle zucche, il rosso delle mele, il giallo di Coldiretti. Si dipinge dei colori d’autunno il nuovo mercato agricolo dei produttori di Campagna amica/ Coldiretti, che giovedì 3 novembre verrà allestito per la terza volta al piazzale Policentro Aquila a Santa Maria Maddalena di Occhiobello (RO). L’appuntamento proseguirà, in via sperimentale, fino a Natale, tutti i giovedì mattina, dalle 8 alle 13, sempre nello stesso piazzale, che per l’occasione sarà rivestito di bandiere e striscioni gialli che rendono inconfondibile l’organizzazione agricola.

Il mercato è nato per iniziativa congiunta del consorzio Città mercato Occhiobello, Coldiretti e Comune di Occhiobello e ogni allestimento può contare sul prezioso servizio di vigilanza dell’associazione di volontari Occhio civico.

L’appuntamento del 3 novembre vede un ampio paniere di prodotti e molte curiosità: dal depurativo topinambur, “la patata dei diabetici” dal sapore di carciofo, che regolarizza colesterolo e zuccheri, coltivato e raccolto in questa stagione dall’azienda Zullato Paola di Bosaro (Ro); al buffalgrana e al fiordibufala, formaggi prodotti col latte delle bufale, animali timidi e curiosi, che stabulano liberamente nella stalla dell’azienda La cavallerizza di Cona (Fe); alla crema di zucca e salsiccia, una gustosa novità per risotti veloci, presentata dall’azienda agricola Barison Cecilia di Lusia (Ro) che ha unito la zucca Delica con la salsiccia della gastronomia Trivellato di Lendinara (Ro); fino alla carne bianca principe della stagione, l’anatra Muta dell’azienda Pagliarini avicola di Canaro (Ro), allevata in ampi spazi aperti, in piena libertà, e alimentata con mais e soia certificata Ogm free; al kiwi Hayward, la miglior riserva naturale di vitamina C, che viene raccolto proprio in questi giorni dai quattro ettari di piantagione dell’azienda Ganzerla Patrizia di Trecenta (Ro), un frutto che si conserva per mesi e che matura tenuto al caldo a contatto con le mele; e tante sono le mele presenti, Fuji e “Biancaneve”, adatte ai bambini, tutte mangiabili con la buccia perché nell’azienda Galassa di Gavello (Ro) si coltiva da 25 anni col metodo certificato della lotta integrata che abbatte i residui chimici. Infine, vini tipici dei Colli Euganei dell’agriturismo Corte Vecia di Lozzo Atestino (Pd) e fiori di stagione dell’azienda agricola florovivaistica Slanzi Katia di Lusia (Ro).

La scelta è tanta che si può cominciare a pensare sia ai regali che al pranzo di Natale. Il tutto con la consueta qualità Coldiretti, la certezza di prodotti del territorio e un prezzo competitivo.