Bene il nuovo sequestro di prodotti alimentari contraffatti “Made in Italy” da parte dei carabinieri del Nucleo antifrodi di Rovigo

0
512
Mauro Giuriolo
Mauro Giuriolo

Mauro GiurioloSoddisfazione di Coldiretti

“Ci congratuliamo coi carabinieri del Nucleo antifrodi e ci auguriamo che i controlli sull’agroalimentare continuino pressanti anche nella nostra provincia, affinché si possano difendere i prodotti ‘Made in Italy’”. Questo il commento del presidente di Coldiretti Rovigo, Mauro Giuriolo, nell’apprendere l’operazione di sequestro di 5.000 confezioni di conserve alimentari in Alto Polesine, su cui si evocava la presenza dell’Aceto balsamico di Modena Igp, che invece non sarebbe entrato nei processi produttivi.

 

“I prodotti a marchio Dop (Denominazione d’origine protetta) e Igp (Indicazione geografica protetta) hanno dietro decenni di professionalità, di grossi investimenti in qualità e, soprattutto, la ricerca continua di trasparenza della filiera produttiva” dice Giuriolo che ricorda come “lo sanno bene i nostri produttori di Insalata di Lusia Igp, di Aglio bianco polesano Dop, di Riso del Delta Igp e di Radicchio di Chioggia Igp. Per questo tutte le forme di sofisticazione alimentare sono dannose per l’immagine dei produttori onesti e per il consumatore, che viene ingannato su ciò che mangia, proprio in un momento in cui non ha soldi da buttare”.

La difesa dei prodotti locali di qualità si deve estendere anche a tutti quelli di certificazione Dop e Igp, che per il presidente di Coldiretti Rovigo “sono una miriade di prodotti agroalimentari di qualità, tutti rigorosamente di provenienza dalle nostre aziende agricole, che vanno apprezzati e difesi”.