In Alto Adige completato il controllo statico su tutti i 1.700 ponti della provincia

0
251

Con il collaudo dei ponti della superstrada Merano-Bolzano (MeBo), in svolgimento fino al 23 novembre, si completa il controllo di tutti i 1.700 ponti gestiti dalla provincia di Bolzano. Ora per regolare i controlli la Giunta provinciale ha approvato apposite norme che ne ottimizzano i tempi ed i costi.

 

Sono circa 950 ponti esistenti sulle strade provinciali e 750 quelli sulle strade statali, per un totale di circa 1.700 ponti, che la Provincia gestisce direttamente. Con il collaudo dei ponti della MeBo (struttura più nuova inaugurata nel 1997) si completa il controllo di tutti i 1.700 manufatti esistenti della Provincia.

Le prove di carico dei ponti e dei viadotti della MeBo sono in svolgimento 21 fino al 23 novembre 2011. I controlli vengono disposti Servizio ponti istituito presso la Ripartizione Infrastrutture. Tali controlli, come sottolinea l’assessore provinciale ai lavori pubblici, Florian Mussner, permettono di stilare una lista di priorità dei ponti, che consente di individuare le criticità in modo da intervenire, sia per garantire la sicurezza, che provvedere ad eliminare punti critici che limitano il transito e incidono direttamente sull’economia. Il problema riferito ai ponti, come spiega l’ing. Umberto Simone, coordinatore del Servizio ponti, è che le strutture invecchiano e che, sotto la spinta dello sviluppo economico degli ultimi decenni, i carichi transitanti sono sempre più pesanti. Le dimensioni e tipologie dei ponti sono molto diversificate, così come le epoche di costruzione che vanno soprattutto dagli anni Trenta ad oggi.

Florian MussnerIl controllo della sicurezza ed adeguamento delle strutture è di particolare importanza per l’efficienza della rete stradale, sia per il servizio pubblico, che come infrastruttura per l’efficienza dell’economia. Ora che si è effettuato il controllo completo dei ponti al fine di garantire la continuità dei controlli, la Giunta provinciale di Bolzano nei giorni scorsi ha approvato le “Disposizioni tecniche sul collaudo statico e periodico dei ponti stradali” con cui ha definito il grado di controllo e la frequenza dei controlli in base all’importanza e grandezza del ponte. Le disposizioni consentono di continuare nel tempo l’attività di controllo per avere dati sempre aggiornati, e quindi avere una garanzia di sicurezza costante per il transito pubblico, ottimizzando, secondo l’assessore Mussner, anche gli investimenti pubblici nei viadotti più strategici.