Nuovo monologo di Andrea Castelli, “Trentini & Trentoni”

0
371

Trentini & Trentoni˝, che debutta martedì 22 novembre sul palcoscenico del teatro Cuminetti a Trento, è il dodicesimo monologo scritto e interpretato da Andrea Castelli. Una nuova tappa del percorso teatrale che ha preso l’avvio nel 1986 con “Sol” ed è proseguito attraverso oltre cinquecento serate fino al 2007 quando l’attore e autore trentino ha raccontato in “1950” (è il suo anno di nascita) la Trento della seconda guerra mondiale vista, come una sorta di saga familiare, con gli occhi di Andreabambino.

 

Ora, a venticinque anni di distanza da quel primo monologo (ma la storia teatrale di Andrea è iniziata molti anni prima), ecco “Trentini & Trentoni”, spettacolo “mistilingue” nel quale Castelli, alternando italiano e dialetto, accompagna i suoi concittadini in un viaggio nella storia che prende le mosse dal Doss Trent, dove abitavano i nostri progenitori Trentoni, per arrivare ai trentini di oggi. Nel perenne alternarsi di atteggiamenti di bonaria presunzione… “noi sen i mèjo”, e di riduttiva autolimitazione … “per Trent, l’è anca massa!”. La storia di una crisi d’identità che Andrea Castelli così sintetizza nel presentare questo suo nuovo lavoro: “lunga seduta dall’analista per individuare i conflitti interiori che comporta il ˝sentirsi trentini”. Pre-testo per analizzare pregi e difetti di quel che resta del nostro senso di appartenenza.

Chi siamo, donde veniamo, dove andiamo? Preistoria, storia e fantascienza sono i tre luoghi deputati per questo delicato, controverso tema affrontato in chiave comico-pensante. La satira di Castelli punta l’indice su vari argomenti e cercherà di ampliare lo sguardo fuori dalle montagne; per accettare il futuro senza restare con la testa rivolta all’indietro, ma con l’attenzione a non dimenticare chi ha lavorato bene e onestamente per farci arrivare dove siamo. E dove siamo? “Voi siete qui” si legge sulle mappe attaccate ai muri nei luoghi pubblici, con un bollo rosso. È importante osservarlo bene per sapere come guadagnare l’uscita, per capire come ci siamo arrivati in quel bollo rosso. I pregi dei trentini? Sono i pregi di tutti quelli che hanno pregi, se li hanno. I difetti? Sono i difetti di tutti quelli che, sparsi per il mondo, hanno difetti. E chi non ne ha scagli la prima pietra». Si avvisa il gentile pubblico che questo spettacolo potrebbe offendere l’orgoglio di molti trentini. Se ne consiglia quindi la visione a un pubblico autoironico.

 

22 novembre 2011
Teatro Cuminetti
ore 20,30

23 novembre 2011
Teatro Cuminetti
ore 20,30

24 novembre 2011
Teatro Cuminetti
ore 20,30

25 novembre 2011
Teatro Cuminetti
ore 20,30

 

Biglietti: Intero € 12; Ridotto € 10