Amga Udine lancia nuova campagna per incrementare la propria clientela

0
1436

Triplicare i clienti per l’energia elettrica entro il 2014, passando dagli odierni 15.000 ai 45.000, e incrementare le vendite di gas da 100.000 a 110.000 clienti. Sono questi gli obiettivi di Amga Energia & Servizi, la società di vendita del gruppo Amga Udine che ha presentato nel capoluogo friulano le proprie strategie espansive e una nuova campagna di comunicazione curata da Aipem che ha Gene Gnocchi come testimonial.

“La nostra azienda è in forte crescita nel panorama nazionale – ha detto il direttore generale di Amga Energia & Servizi, Mauro Molinaro – e ora puntiamo ad una crescita pià ampia. Dal 2009 siamo diventati grossisti per il gas e l’energia elettrica e questo ci ha permesso di avvicinare anche i grossi utilizzatori, cioè il settore dell’industria, ma anche le piccole e medie imprese, e di ampliare la gamma dei prodotti rivolti alle famiglie”.

Nel corso della presentazione, l’amministratore delegato di Amga Udine, Daniele Romanello, ha evidenziato come la società continuia crescere anche in un 2011 non caratterizzato da grandi consumi:”si prevede di chiudere l’anno con un fatturato di circa 230 milioni di euro, da 98 che erano tre anni fa, con un margine operativo lordo superiore ai 10 mln di euro e un utile operativo ante tasse intorno agli 8 mln”.

Antonio NoninoPer il presidente del gruppo, Antonio Nonino, “la nostra controllata ci ha dato molte soddisfazioni. Come gruppo avremo a fine anno un fatturato di 280 mln di euro e un margine operativo di 28 mln, rispettivamente 7 e 4 volte superiori rispetto al 2000. Visto che il 62% dell’azienda è del Comune di Udine, aver creato valore significa anche aver creato patrimonio per i cittadini di Udine”. Sottolineando come l’energia elettrica disponibile sulla rete regionale sia insufficiente alle necessità dell’utenza, Nonino ha rivolto alla Regione l’appello “a completare al più presto la chiusura dell’anello tra Redipuglia e Udine Ovest, passo che costituirebbe la soluzione del problema specie nelle ore di punta”.

Quanto agli sviluppi futuri, il presidente di Amga Nonino ha detto di essere favorevole a processi aggregativi verso una “multi utility” del Nordest: “la dimensione giusta per la crescita credo sia proprio una multiutility a livello di Triveneto. Noi, per la nostra posizione geografica, vediamo con Acegas Aps Trieste il primo passo aggregativo, ma anche con altre aziende del vicino Veneto”. Uno scenario che potrebbe portare ad interessanti economie di scala, oltre che aprire lo scenario di una quotazione di borsa per reperire le risorse necessarie per gli investimenti.