Al laboratorio analisi alimenti dell’Appa di Bolzano un macchinario unico in Italia

0
295
LC-MS LTQ Orbitrap XL

LC-MS LTQ Orbitrap XLL’apparecchio consente di scoprire frodi e sofisticazioni in alimenti e medicinali

Al sequestro di oltre 50.000 capsule simili al Viagra (per un valore di mercato di 570.000 Euro) effettuato dai NAS di Trento a Busto Arsizio nei giorni scorsi, hanno contribuito in modo determinante le analisi condotte già nel 2010 dal Laboratorio analisi alimenti dell’Agenzia provinciale per l’ambiente di Bolzano. Come spiega il suo direttore, Luca D’Ambrosio, l’Appa di Bolzano è l’unica in Italia ad essere dotata di un’apparecchiatura all’avanguardia (lo strumento LC/MS LTQ Orbitrap XL), che consente di effettuare ricerche non mirate sulle sostanze. In pratica, se prima si andava a ricercare una sostanza particolare avvalendosi di standard di riferimento (sostanze pure necessarie per il confronto fatte pervenire dal Canada), ora le analisi che conduce il Laboratorio analisi alimenti dell’APPA di Bolzano hanno fatto un vero e proprio salto di qualità e possono far fronte anche alle più subdole sofisticazioni. In pratica, lo strumento consente di verificare se ci sono anomalie nei prodotti senza sapere a priori quale sostanza andare a cercare.
Nel caso specifico, prosegue D’Ambrosio, nelle capsule a base di prodotti dichiarati “naturali” si celavano le molecole contraffatte dello stesso principio attivo del Viagra che era stato copiato. Grazie alla strumentazione di nuova generazione, queste manipolazioni subdole non costituiscono più un “rompicapo” per gli esperti del laboratorio. L’apparecchiatura in dotazione al Laboratorio analisi alimenti, costata circa 400.000 euro, è attiva dal settembre 2011, e consente di svelare più velocemente le contraffazioni facendo dell’Agenzia provinciale per l’ambiente di Bolzano un vero e proprio punto di riferimento per gli interventi dei NAS di tutto il Nord Italia. Apparecchiature simili in Italia sono in dotazione solo a qualche istituto di ricerca, aziende farmaceutiche, ed ai RIS di Parma).
Nel 2010, grazie alle analisi eseguite a Bolzano, era stato effettuato il sequestro di un integratore alimentare con proprietà dimagranti contenente sostanze altamente pericolose per la salute. Opportuno ripetere l’appello a diffidare dagli acquisti soprattutto in rete di prodotti alimentari che promettono effetti miracolosi in tempi brevi: gli alimenti, infatti, non hanno effetti così marcati se non trattati con altre sostanze, ad esempio medicinali. Prodotti simili spacciati quali “naturali” contengono spesso farmaci dagli effetti pericolosi per la salute che in molti casi vengono assunti da ignari adolescenti. Altro aspetto da tener presente, è che avvenendo l’acquisto sulla rete, questo non è sottoposto ad alcun controllo ed in caso di danni non si può presentare reclami.