Banca Popolare di Vicenza e Simest assieme per l’internazionalizzazione delle imprese nei paesi europei ed extraeuropei

0
507
Da sinistra Massimo D'Aiuto Amministratore Delegato di SIMEST e Samuele Sorato Direttore Generale di Banca Popolare di Vicenza
Da sinistra Massimo D'Aiuto Amministratore Delegato di SIMEST e Samuele Sorato Direttore Generale di Banca Popolare di VicenzaSorato e D’Aiuto siglano l’accordo

Banca Popolare di Vicenza e Simest hanno siglato un importante accordo a sostegno dell’attività delle imprese italiane all’estero. L’intesa siglata presso la sede di Banca Popolare di Vicenza alla presenza di Samuele Sorato, direttore generale dell’istituto, e di Massimo D’Aiuto, amministratore delegato di Simest, ha l’obiettivo di sostenere attraverso numerose agevolazioni le aziende italiane che esportano, investono e commerciano nei paesi europei ed extra europei.

Banca Popolare di Vicenza, condividendo con Simest l’esigenza di operare congiuntamente a supporto delle imprese italiane sui mercati esteri, intende estendere ed integrare ulteriormente la gamma di prodotti e servizi facilitando e accelerando le procedure e le modalità di accesso agli strumenti finanziari previsti dalla normativa nazionale ed attualmente gestiti da Simest, anche a seguito delle rilevanti novità introdotte dall’estensione dell’operatività di Simest in Italia e nella UE.

In particolare, l’accordo prevede l’agevolazione dei crediti all’esportazione, consentendo alle imprese esportatrici di offrire dilazioni di pagamento; finanziamenti agevolati dei programmi di penetrazione commerciale per la costituzione di uffici, filiali di vendita, vetrine espositive e quant’altro favorisca la presenza di imprese italiane in paesi extra UE; la partecipazione al capitale sociale di imprese estere di un partner istituzionale con capitali propri ed esperienza pluriennale; fondi di venture capital per supportare gli investimenti in aggiunta alla normale partecipazione di SIMEST; il contributo agli interessi a fronte di finanziamenti assunti dall’impresa italiana per la partecipazione al capitale di una impresa all’estero e finanziamenti agevolati delle spese per la realizzazione di studi di prefattibilità, fattibilità ed assistenza tecnica.

“Attraverso questo accordo – commenta Massimo D’Aiuto – desideriamo offrire alle imprese italiane, oltre ai nostri strumenti per l’estero e l’Italia, un ulteriore supporto attraverso il sistema bancario al loro sviluppo . Attraverso la presenza estera di Banca Popolare di Vicenza in tutti i paesi target per il Sistema Italia, le nostre aziende possono infatti trovare in quelle aree delle opportunità interessanti ed essere quindi sostenute con strumenti e servizi integrati”.

“L’intesa con Simest – ha dichiarato Samuele Sorato – è un ulteriore conferma dell’attenzione e del sostegno che la nostra Banca offre alle imprese del territorio. Siamo consapevoli di quanto, in questo momento di particolare difficoltà, l’internazionalizzazione sia fondamentale per la ripresa e la crescita delle nostre imprese e, pertanto, Banca Popolare di Vicenza, grazie ad una struttura Estero molto efficiente e agli accordi in essere, è un partner solido e affidabile che consente alle aziende che scelgono di affacciarsi ai mercati esteri di operare nella massima sicurezza e tranquillità”.