Carne bovina dell’Alto Adige: nuovo prodotto con il “marchio di qualità Alto Adige”

0
158
Prodotto di qualità Carne bovina 1
Prodotto di qualità Carne bovina 1Le indagini di mercato rivelano un grande potenziale per la nuova certificazione

La domanda di carne bovina di provenienza altoatesina sta diventando sempre più consistente, anche in Alto Adige. Molti consumatori nutrono una spiccata preferenza per questo prodotto regionale di qualità e sono anche disposti a pagare un prezzo più elevato. Il marchio di qualità “Alto Adige” è da anni sinonimo di qualità controllata e di provenienza garantita.

Un nuovo studio dell’IRE (Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano) ha evidenziato per la prima volta le opportunità di mercato della carne bovina altoatesina. In totale si stima un potenziale di mercato per la carne bovina che si aggira attorno agli undici milioni di euro. Ciò corrisponde a circa 4.200 bovini. “Purtroppo, al momento questo potenziale non viene ancora del tutto sfruttato”, spiega il presidente della Camera di commercio Michl Ebner: “quando si parla di economia bovina in Alto Adige, s’intende ancora principalmente la produzione lattiera. La maggior parte dei capi di bestiame nati in provincia viene infatti venduta a compratori al di fuori di questa per essere poi ingrassata e macellata. D’altra parte, sono il resto d’Italia e l’estero che coprono gran parte della domanda locale di carne”.

Le aziende altoatesine per l’allevamento di bestiame fanno parte di una realtà piccola e strutturata: attualmente, sono 130 le ditte che producono carne di manzo con il marchio di qualità ‘Alto Adige’. “La sfida maggiore sta nell’accrescere l’offerta di carne di qualità locale attraverso un aumento delle strutture specializzate nell’allevamento”, sottolinea l’assessore Hans Berger, “oltre alla provenienza garantita è decisiva l’osservanza e il controllo di severi criteri di qualità. I programmi regionali di carne di marca esistenti come KOVIEH, Bio*Beef e LaugenRind soddisfano tali condizioni e si potrebbero sviluppare maggiormente”. Questi programmi rappresentano un importante punto di congiunzione tra la produzione agricola, i macellai e i consumatori. Sono 13 le macellerie e i loro punti vendita che vendono carne bovina altoatesina: qui il consumatore riconosce la carne con il marchio di qualità grazie a degli appositi piatti da presentazione. Inoltre, un’azienda locale consegna gratuitamente pacchetti di carne mista biologica direttamente a casa.

Il marchio di qualità garantisce che tutti i bovini commercializzati in regione siano nati, cresciuti e macellati in Alto Adige. Gli animali devono inoltre avere la possibilità di muoversi liberamente (malga o stabulazione con libertà di movimento) per almeno 60 giorni e nutrirsi principalmente di mangimi naturali. Sono vietati mangimi geneticamente modificati, ormoni e antibiotici.

“Organismi di controllo indipendenti e certificati conducono rigidi controlli di qualità, questo anche per quanto riguarda il tempo di trasporto e la corretta macellazione degli animali”, dice l’assessore Thomas Widmann, per il quale “la vendita di carne bovina altoatesina significa valore aggiunto per l’agricoltura locale, qualità garantita per i macellai e sicurezza sul prodotto per i consumatori.” Tra i tipi di carne contrassegnati dal marchio di qualità vi sono il vitello, il vitellone, il bue, la primipara e la manza.