Alto Adige, a luglio la fiducia dei consumatori ai minimi

0
355
alto adige fiducia conumatori in calo luglio 2012 1
alto adige fiducia conumatori in calo luglio 2012 1Indagine della Camera di commercio di Bolzano relativa alle aspettative per il 2012. Andamento in controtendenza rispetto all’Italia

Il clima di fiducia dei consumatori altoatesini è sensibilmente peggiorato nel mese di luglio, ma resta comunque più alto della media europea e italiana, anche se rispetto al Belpaese nel suo complesso è in controtendenza. L’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano individua le cause di questo crollo nell’incertezza generale legata alla crisi finanziaria internazionale, nei tagli del Governo Monti e negli attacchi all’autonomia dell’Alto Adige.

“Attualmente, incidono molto gli aspetti psicologici. Appena le famiglie intravedranno un quadro più sicuro, anche il clima di fiducia migliorerà. Sono convinto che il mondo politico e i rappresentanti dell’economia sapranno affrontare questa fase temporanea”, dichiara fiducioso il presidente della Camera di commercio, Michl Ebner.

Il clima di fiducia dei consumatori altoatesini nel mese di luglio presenta aspetti negativi ma anche positivi. Quelli negativi sono l’evidente crollo del clima di fiducia. Anche in altri paesi europei si osserva un calo dell’indice di fiducia dei consumatori, seppure in misura ridotta. L’aspetto positivo, invece, riguarda il confronto con gli altri paesi: il clima di fiducia dei consumatori altoatesini resta, infatti, superiore alla media europea e italiana, anche se decisamente inferiore a quello di realtà similari come Austria e Germania.

Rispetto al mese di aprile, in luglio peggiorano in Alto Adige tutti e quattro gli indici rilevati ai fini del calcolo del clima di fiducia dei consumatori. I cali maggiori si registrano per gli indici che rappresentano il quadro economico, ovvero nelle previsioni sull’andamento economico atteso del proprio paese e sullo sviluppo della disoccupazione nei prossimi dodici mesi. Scendono invece in misura più lieve gli indici riferiti alla situazione personale. Si tratta in particolare delle previsioni sulla situazione finanziaria della propria famiglia e sulle possibilità di risparmio nei prossimi dodici mesi. Relativamente alla situazione personale, il consumatore altoatesino è dunque sostanzialmente fiducioso di riuscire a superare l’attuale momento difficile.