Consegnate le onorificenze del Land Tirol a 42 persone a nord e sud del Brennero

0
834
PAB La consegna dellonorificienza a don Giancarlo Bertagnolli 1
PAB La consegna dellonorificienza a don Giancarlo Bertagnolli 1La Croce al merito assegnata a 13 altoatesini a Castel Tirolo dai presidenti Durnwalder e Platter

42 persone residenti a nord e a sud del Brennero, tra loro 13 altoatesini, sono state insignite

a Castel Tirolo della Croce al merito, l’onorificienza del Land tirolese. A consegnarla il presidente della Provincia Luis Durnwalder e il suo omologo di Innsbruck Günther Platter. “Un piccolo segno della nostra riconoscenza per quanto svolto a favore della comunità”, ha sottolineato il presidente Durnwalder.

La cerimonia di conferimento delle croci al merito tirolesi si svolge alternativamente a Innsbruck e a Castel Tirolo. Quest’anno i premiati sono stati accolti dai due presidenti della Giunta provinciale di Bolzano e di quella di Innsbruck nella Sala dei cavalieri di Castel Tirolo. Per l’Alto Adige erano presenti anche gli assessori Hans Berger, Sabina Kasslatter Mur, Florian Mussner e Richard Theiner.

“Nei passati decenni l’Alto Adige è diventata una provincia moderna e europea – ha detto nel suo intervento il presidente Luis Durnwalder – ma paragrafi e leggi non bastano, servono persone che li traducano in realtà e qui oggi onoriamo uomini e donne che hanno contribuito a costruire la comunità locale. A loro va il nostro grazie per l’impegno profuso negli anni in campo sociale, culturale e politico. Sono un esempio per i nostri giovani, una testimonianza di impegno concreto che ha aiutato la nostra società a crescere”.

Durnwalder è tornato sulla nuova legge sulla toponomastica per invitare “a non guardare sempre a cosa manca, ma a cosa è stato raggiunto. Le onorificienze sono la conferma che lavoriamo per l’unità del Tirolo storico ma anche affinché in questa terra ciascuno possa vivere la sua identità”. Il collega tirolese Platter ha ricordato i valori di cui le persone premiate sono portatrici: la pace, la collaborazione, la solidarietà e il volontariato.

Tra i premiati 2012 figurano anche 13 altoatesini: sono don Giancarlo Bertagnolli, fondatore dell’associazione “La strada – Der Weg”, Marcello Varallo di Badia, presidente del Comitato organizzatore della Coppa del mondo di sci alpino in Alta Badia, Margret Bergmann di Bolzano, pedagogista e attivista per la pace, Paola Bioc Gasser di San Martino in Badia, per il suo impegno a favore dei ladini, l’ex responsabile del Centro di sperimentazione agraria Laimburg Klaus Platter, suor Klara Rieder di Bressanone per l’impegno nel settore pedagogico e nel sociale, Herbert Santer di Dobbiaco per l’attività nel turismo, nella cultura e nello sci da fondo in Pusteria, Serafin Troi di Bressanone per il lavoro nell’amministrazione diocesana. Tra gli insigniti anche cinque ex sindaci di lungo corso: Ignaz Ladurner (Tirolo), Franz Lintner (Appiano), Josef Passler (San Candido), Bruno Senoner (Santa Cristina) e Manfred Schmid (Terento).