Dal 1 novembre per i pneumatici nuovi obbligatoria l’etichetta europea di qualità ambientale

0
237
ContiPremiumContact 5 etichetta ambientale 1
ContiPremiumContact 5 etichetta ambientale 1Jeusette (Goodyear Europa): “se tutte le auto del continente utilizzassero pneumatici di classe A, si risparmierebbero 27 miliardi di euro in carburante e minori emissioni di CO2 per 20 milioni di tonnellate”. In molte province scatta l’obbligo invernale di catene a bordo o di pneumatici da neve

A partire dal 1 novembre entra in vigore per tutti i costruttori di pneumatici di applicare su ogni nuovo prodotto l’etichetta di conformità ambientale che illustra al consumatore le caratteristiche del prodotto in fatto di rumorosità, resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato. Obiettivo del nuovo obbligo commerciale è di favorire la crescita di consapevolezza dei consumatori verso prodotti con minore impatto ambientale, così come è già avvenuto nel settore degli elettrodomestici. Il nuovo obbligo riguarda indistintamente tutti i pneumatici e l’aspettativa è che i consumatori preferiscano nelle loro scelte i prodotti con migliore livello ambientale, anche a scotto di un prezzo più elevato.

Jean Pierre Jeusette, direttore del centro per le innovazioni di Goodyear a Bruxelles sottolinea come “la nuova etichetta sia un primo passo nella giusta direzione, di grande impatto verso una maggiore sicurezza stradale e tutela ambientale. Secondo uno studio di Goodyear, se tutte le auto in circolazione in Europa fossero equipaggiate con pneumatici di classe A, a livello continentale ci sarebbero risparmi per oltre 27 miliardi di euro per la sola voce carburante e di oltre 20 milioni di tonnellate di minori emissioni di anidride carbonica”. Secondo Jeusette, “un’auto equipaggiata con pneumatici in classe A su strada bagnata frena con spazi inferiori del 30% rispetto ad uno di classe G, equivalenti a ben 18 metri in meno, ovvero la lunghezza di 3-4 automobili medie”.

L’etichetta non è comunque esaustiva di tutto ciò che ruota attorno al mondo dei pneumatici: “è solo un punto di partenza – conferma Jeusette – perché ci sono anche altri aspetti che caratterizzano le qualità di un pneumatico. Sarebbe auspicabile per la sicurezza anche indicare le prestazioni di aquaplaning”.

Intanto, con l’arrivo della stagione fredda scatta l’obbligo di circolare con le catene a bordo (da utilizzare in caso di strada gracchiata o innevata) o con i pneumatici da neve (o termici). Ciò vale dal 15 novembre 2012 al 15 aprile 2013 per molte province, comprese le autostrade A22 e A4 Una misura precauzionale, finalizzata ad aumentare la sicurezza di chi transita e a ridurre, in caso di forti precipitazioni nevose, i disagi causati da veicoli sprovvisti di catene o pneumatici da neve che ostacolano la circolazione e la pulizia del manto stradale. In questi casi, infatti, basta che un mezzo pesante o una serie di vetture si mettano di traverso, creando code e rallentamenti, per impedire ai mezzi della manutenzione di effettuare il loro lavoro. Nei paesi confinanti, Austria, Slovenia e Croazia, l’obbligo è sancito dalla legge.

A coloro che non avessero a bordo le catene o i pneumatici da neve, sono previste pesanti sanzioni amministrative.