UniCredit premia con mezzo milione di euro sette progetti per l’inclusione dei giovani nel mondo del lavoro

0
621
Direttore Generale di UniCredit Roberto Nicastro e dal Country Chairman UniCredit Gabriele Piccini 1
Direttore Generale di UniCredit Roberto Nicastro e dal Country Chairman UniCredit Gabriele Piccini 1Tra i vincitori la cooperativa trevigiana N.O.I.

Sono state premiate a Milano le 7 organizzazioni non profit vincitrici del bando nazionale “Strategie di coesione sociale per i giovani” per progetti finalizzati all’occupazione dei giovani, compresi tra i 15 e i 29 anni, che vivono particolari situazioni di difficoltà organizzato da UniCredit. Grazie ai contributi raccolti con Carta E – la carta di credito del gruppo UniCredit che, senza alcun costo aggiuntivo per il titolare, destina il 2 per mille di ogni spesa effettuata a un fondo destinato a iniziative e progetti di solidarietà – ciascun progetto selezionato ha ricevuto 60.000 euro.

Al progetto più votato dai dipendenti UniCredit è stato destinato un contributo aggiuntivo di 75.000 euro.

Tra i 266 progetti esaminati da un comitato scientifico, coordinato da UniCredit Foundation in collaborazione con l’Università Bocconi di Milano, ne sono stati scelti 7 che sono stati poi sottoposti al giudizio dei dipendenti italiani di UniCredit nell’ambito dell’iniziativa “Your Choice, Your Project”, che consente di partecipare in tal modo alla definizione delle strategie filantropiche di UniCredit. I contributi sono stati consegnati dal direttore generale di UniCredit, Roberto Nicastro, e dal responsabile regionale Gabriele Piccini.

Tra i progetti premiati che interessano il NordEst da segnalare l’iniziativa ‘Jump Into Job’ della Cooperativa Sociale N.O.I. di Castelfranco Veneto (Treviso), nata nel 2000 con un progetto che prevede la creazione di una struttura stabile di riqualificazione sul modello di simul-impresa per 10 giovani in difficoltà, con l’obiettivo di favorire l’inserimento lavorativo in servizi già produttivi e in fase di sviluppo e di agevolare l’incontro tra domanda e offerta in ambito occupazionale.