Il fiorentino Daniele Spini nuovo responsabile della progettazione artistica dell’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento

0
377
Fondazione Haydn direttore artistico daniele spini 2 1
Fondazione Haydn direttore artistico daniele spini 2 1Succede al M° Gustav Kuhn che in 10 anni ha portato l’orchestra regionale alla ribalta del concertismo internazionale

Il prof. Daniele Spini è il nuovo responsabile della progettazione artistica dell’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Lo ha nominato il consiglio di amministrazione della Fondazione dopo averlo individuato attraverso un processo di selezione affidato ad un’apposita commissione, composta dagli stessi membri del consiglio di amministrazione, da tre rappresentanti dell’Orchestra (proff. Marco Mandolini, Ole Jacob Frederiksen e Stefano Ricci) e da due membri esterni, garanti della procedura, Hermann Berger (direttore generale della provincia di Bolzano) e Nicolò Pedrazzolli (dirigente responsabile dell’Avvocatura della provincia di Trento). Sono stati esaminati oltre trenta profili, non solo di provenienza italiana, ma anche da altri paesi tra cui Argentina, Austria, Estonia, Germania, Lituania, Uzbekistan.

“La nomina del nuovo Responsabile della progettazione artistica della Fondazione Orchestra Haydn – afferma la presidente Chiara Zanoni – rappresenta una tappa decisiva nel percorso di riposizionamento strategico avviato dall’attuale consiglio e che si completerà con la designazione di un direttore principale, una figura artistica complementare a quella del prof. Spini, alla quale saranno affidate una serie di direzioni dal podio nell’ambito dell’attività dell’Orchestra.

Fondazione Haydn Felix Resch  Daniele Spini Chiara Zanoni 1Questa nuova prospettiva di sviluppo è necessaria per il futuro dell’orchestra, che oggi può misurarsi serenamente con le migliori istituzioni concertistico-orchestrali italiane, e che può – anzi deve – valorizzare tutte le potenzialità del gruppo orchestrale, investendo in particolare sul talento artistico dei professori che formano l’organico stabile. Se oggi possiamo compiere questo passo è perché i dieci anni in cui il Maestro Gustav Kuhn è stato alla guida dell’orchestra sono stati estremamente produttivi. Lui la ha fatta crescere molto in qualità musicale e stabilità, e il nostro riconoscimento per questo è grande e durerà nel tempo. Sperando che , in futuro, in una qualche circostanza particolarmente significativa voglia accettare di salire nuovamente sul podio dell’Orchestra Haydn”.

Daniele Spini assumerà ufficialmente l’incarico il 1 marzo 2013 con un impegno contrattuale di due anni e mezzo, fino al 31 agosto 2015. In qualità di responsabile artistico predisporrà il programma annuale di attività dell’Orchestra che curerà sotto il profilo sia dell’ideazione sia della realizzazione, nel rispetto delle linee di indirizzo definite dal CdA. Avrà il compito di valutare le proposte di collaborazioni artistiche a livello territoriale, nazionale e internazionale, e inoltre proposte discografiche e televisive che valorizzino il patrimonio orchestrale e ne promuovano l’immagine. Un’attenzione particolare sarà dedicata dal nuovo responsabile artistico a iniziative d’interazione e sinergia con i soggetti culturali della Regione, con i soci fondatori, la Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano e la Cassa di Risparmio s.p.a. quali partner e sponsor principale, finalizzate a promuovere la cultura musicale soprattutto nei confronti delle giovani generazioni.

Daniele Spini (1951), fiorentino, giornalista, insegna Storia della musica presso il Conservatorio “Girolamo Frescobaldi” a Ferrara. Ha collaborato con “La Nazione” di Firenze dal 1973 al 1996 ed è stato critico musicale titolare de “Il Mattino” di Napoli dal 1985 al 1998. Dal 1993 al 2006 è stato vicepresidente del Centro Tempo Reale di Firenze, istituto di ricerca fondato da Luciano Berio, che si occupa del rapporto tra musica e nuove tecnologie. Dal 1999 al 2006 è stato direttore artistico dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che ha portato ad ottenere importanti successi quali il Premio Abbiati della critica musicale italiana nel 2005 per l’ideazione della rassegna contemporanea RAI NuovaMusica, e la partecipazione nel 2006 al Festival di Salisburgo. Dal 2008 al 2010 è stato direttore artistico per la musica, la lirica e la danza del Teatro Nuovo di Udine. E’ autore di una ricca bibliografia di saggi e articoli per le riviste musicali più importanti, ha curato per Mondadori l’edizione italiana delle “Opere di Wagner” di Ernest Newman. Collabora per note illustrative e conferenze con le maggiori istituzioni musicali italiane. Ha realizzato le versioni ritmiche italiane di molti libretti e ed è frequentemente ospite in programmi radiofonici e televisivi della Rai.