Nell’anno peggiore della crisi economica, bene la catena Despar (Gruppo Aspiag) del NordEst

0
1113
Despar italia per il nordest
Despar Eurospar Interspar logo aspiag service 1Fatturato in crescita (+3,8%) e 249 nuove assunzioni

Nell’anno probabilmente peggiore della crisi economica la catena Despar del Nordest (gruppo Aspiag Service) chiude un bilancio di crescita, che vede il fatturato a 1 miliardo e 845,9 milioni di euro, in aumento del 3,8% sull’esercizio precedente, e soprattutto 249 assunzioni. “Siamo lieti di poter affermare che anche nel 2012 la nostra azienda ha confermato di essere una delle realtà imprenditoriali più solide e dinamiche del NordEst” ha detto il presidente di Aspiag, Rudolf Staudinger, commentando i dati di bilancio 2012 della concessionaria Despar per il NordEst.

La catena del commercio al dettaglio ha registrato 20 nuove aperture, diciassette ristrutturazioni, e un impegno sociale ulteriormente rafforzato. L’incremento del 3,8% dei ricavi, fa notare Aspiag Service, è in controtendenza rispetto al settore della grande distribuzione alimentare che, secondo i dati Istat, ha sofferto nel 2012 un decremento dello 0,9%.

Nell’area dove esercita la propria attività, Aspiag Service può vantare oggi una quota di mercato del 15,06% (dati ACNielsen). Il 2012 ha visto l’inaugurazione di 20 nuovi punti vendita (compreso il settore dei dettaglianti associati), tra cui 3 nuove filiali Despar (due in Friuli Venezia Giulia e una in Veneto), 7 filiali Eurospar (una in Friuli Venezia Giulia, due in Veneto e quattro in Trentino Alto Adige), nonché l’apertura di un nuovo superstore Interspar a Vicenza. Numerose anche le ristrutturazioni, che hanno interessato ben 17 punti vendita nel corso dell’anno. Tutte le nuove aperture e ristrutturazioni sono state realizzate secondo criteri di basso impatto ambientale. I dipendenti di Despar NordEst sono saliti a fine 2012 a 6.464 unità, con 249 nuove assunzioni realizzate nell’anno.