Pronta la stangata fiscale d’estate sulle piccole imprese

0
192
soldi 1
soldi 1Secondo la Sgia di Mestre potrà costare fino a 25.700 euro all’anno di nuove tasse

I mesi di giugno e luglio 2013 per i lavoratori autonomi e i piccoli imprenditori si preannunciano estremamente problematici: saranno costretti ad affrontare un vero e proprio “stress test” fiscale/contributivo. Le scadenze saranno numerosissime e riguarderanno i versamenti Inps, la tassa annuale di iscrizione alla Camera di Commercio, il pagamento della prima rata dell’Imu e della Tares, oltre all’autoliquidazione Irpef – che prevede il saldo 2012 e l’acconto 2013 – peseranno sulle tasche di questi contribuenti fino a 25.700 euro circa. Le simulazioni sono state realizzate dall’Ufficio studi della Cgia di Mestre che ha preso in esame 4 diverse tipologie aziendali.

Ecco i risultati:

un commerciante pagherà tra i 4.452 e i 4.676 euro;

un artigiano tra i 6.948 e i 7.206 euro;

una società di persone con 2 soci e 4 dipendenti tra i 17.733 e i 18.409 euro

una società di capitali con 2 soci e 10 dipendenti tra i 25.401 e i 25.737 euro.

In queste 4 elaborazioni l’Ufficio studi della Cgia ha calcolato i possibili esborsi che i titolari di queste aziende dovranno farsi carico, considerando due scenari. Nel primo caso sono state utilizzate le aliquote medie dell’IMU e delle addizionali IRPEF, nonché la maggiorazione della TARES pari a 0,3 euro al metro quadrato. Nel secondo, invece, si è immaginato uno scenario più pessimistico rispetto al precedente, ipotizzando che le regioni e gli enti locali elevino sino al valore massimo consentito le aliquote dei tributi interessati da questa scadenza e che la maggiorazione della TARES si attesti a 0,4 euro al metro quadrato.

giuseppe bortolussi cgia 1“In una fase in cui le piccole e micro imprese sono sempre più stressate dal fisco e a corto di liquidità – esordisce il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi – l’appuntamento fiscale di inizio estate rischia di spingerne moltissime fuori mercato. Per questo invitiamo i leader politici a trovare un accordo, affinché si costituisca in tempi brevi un Governo che affronti le emergenze economiche che sono sul tappeto. Mi riferisco alla necessità di alleggerire l’impatto economico che avrà la nuova tassa sull’asporto rifiuti (Tares) e di scongiurare l’aumento dell’Imu sui capannoni, altrimenti molti piccoli imprenditori saranno costretti, loro malgrado, a chiudere definitivamente i cancelli o le saracinesche delle proprie attività. Inoltre, bisogna assolutamente evitare che dal 1 luglio si verifichi l’aumento dell’aliquota Iva dal 21 al 22%. Se ciò non avverrà, i consumi subiranno un’ulteriore contrazione, penalizzando proprio le piccolissime imprese che vivono quasi esclusivamente della domanda interna. Infine, bisogna immettere liquidità al sistema economico, agevolando l’accesso al credito e sbloccando da subito i 70 miliardi di pagamenti che la pubblica amministrazione deve alle imprese”.

Nell’effettuare i calcoli, si sono considerati gli effetti delle disposizioni normative, che si sono succedute a partire dal 2011. In particolare:

IRPEF: nel calcolo degli acconti IRPEF, si è tenuto conto della “stretta” che subiranno le auto aziendali, la cui deducibilità, ai fini fiscali, è passata dal 40% al 20%. Sebbene questa disposizione riguardi il periodo di imposta 2013, la norma impone di calcolare gli acconti (per questa annualità) tenendo conto di questo inasprimento. Quindi, già dai prossimi mesi di giugno/luglio si sentiranno i primi aggravi. Tuttavia, a ridurre l’esborso relativo alle imposte dirette, ha contributo la deducibilità dell’IRAP relativa al costo del lavoro, introdotta dal DL “Salva Italia”;

INPS: aumentano i contributi per gli artigiani e i commercianti dello 0,45% annuo, tale crescita continuerà sino al 2018, anno il cui prelievo raggiungerà rispettivamente il 24% e il 24,09%;

TARES: a partire dal 2013, la vecchia TARSU lascia il posto alla TARES. La nuova imposta sarà più onerosa in quanto deve assicurare l’integrale copertura del costo per lo smaltimento dei rifiuti. Inoltre, si prevede una maggiorazione di 0,3 euro al metro quadrato che ciascun comune può elevare sino a 0,4 euro. A regime, il pagamento dovrebbe avvenire in 4 rate di pari importo, dando facoltà al comune di disporre in merito. Il 2013 sarà un anno particolarmente delicato in quanto si comincerà a pagare la prima rata a partire da luglio, aggravando, quindi, l’impatto economico della nuova tassa;

IMU: nel 2013 l’imposta sui capannoni sarà sicuramente più pesante, in quanto aumenta il coefficiente per la determinazione della base imponibile che passa da 60 a 65;

IRAP: per le imprese che hanno alle loro dipendenze donne o giovani di età inferiore a 35 anni, si riduce il peso fiscale per effetto dell’aumento della deduzione da 4.600 a 10.600 euro (e da 9.200 a 15.200 per le imprese del Sud e delle Isole).


Commerciante: Ditta individuale senza dipendenti; reddito 25.000 euro. Negozio di 71 mq, rendita 1.672,55 euro (rendita media nazionale). Auto aziendale con la quale percorre 20.000 km annui, consumo pari a 23,8 km/lt (valori in euro)

Descrizione

2013

scenario 1

scenario 2

IRPEF

1.824

1.824

Addizionale Comunale IRPEF

128

177

Addizionale Regionale IRPEF

292

400

IRAP

308

308

Contributi INPS

1.057

1.057

Tributo Camerale

88

88

Tares

307

311

IMU

449

512

Totale

4.452

4.676

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA di Mestre su fonti varie

Nota Scenario 1: Aliquota IMU 9,3‰ (aliquota media nei comuni capoluogo di provincia), aliquota addizionale comunale IRPEF 0,61% (aliquota media nei comuni capoluogo di provincia per lo specifico livello di reddito), aliquota addizionale regionale IRPEF 1,52% (aliquota media nazionale per lo specifico livello di reddito), maggiorazione TARES 0,3 euro al metro quadrato.

Scenario 2: Aliquota IMU 10,6‰, aliquota addizionale comunale IRPEF 0,8%, aliquota addizionale regionale IRPEF 2,03%, maggiorazione TARES 0,4 euro al metro quadrato.

Artigiano: Ditta individuale senza dipendenti; reddito 35.000 euro. Laboratorio di 160 mq, rendita 513,44 euro (rendita media nazionale). Auto aziendale con la quale percorre 20.000 km annui, consumo pari a 23,8 km/lt (valori in euro)

Descrizione

2013

scenario 1

scenario 2

IRPEF

2.843

2.843

Addizionale Comunale IRPEF

178

247

Addizionale Regionale IRPEF

428

560

IRAP

461

461

Contributi INPS

2.136

2.136

Tributo Camerale

88

88

Tares

462

470

IMU

351

400

Totale

6.948

7.206

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA di Mestre su fonti varie

Nota Scenario 1: Aliquota IMU 9,3‰ (aliquota media nei comuni capoluogo di provincia), aliquota addizionale comunale IRPEF 0,61% (aliquota media nei comuni capoluogo di provincia per lo specifico livello di reddito), aliquota addizionale regionale IRPEF 1,55% (aliquota media nazionale per lo specifico livello di reddito), maggiorazione TARES 0,3 euro al metro quadrato.

Scenario 2: Aliquota IMU 10,6‰, aliquota addizionale comunale IRPEF 0,8%, aliquota addizionale regionale IRPEF 2,03%, maggiorazione TARES 0,4 euro al metro quadrato.

Società di persone: (SNC) artigiana 2 soci e 4 dipendenti di cui 1 donna e 1 giovane (di età inferiore a 35 anni); reddito 80.000 euro. Capannone di 500 mq, rendita 5.617.73 euro (rendita media nazionale). Auto aziendale con la quale percorre 20.000 km annui, consumo pari a 23,8 km/lt (valori in euro)

Descrizione

2013

scenario 1

scenario 2

IRPEF

5.756

5.756

Addizionale Comunale IRPEF

390

542

Addizionale Regionale IRPEF

955

1.243

IRAP

1.718

1.718

Contributi INPS

5.360

5.360

Tributo Camerale

242

242

Tares

1.491

1.516

IMU

1.821

2.032

Totale

17.733

18.409

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA di Mestre su fonti varie

Nota Scenario 1: Aliquota IMU 9,5‰ (aliquota media nei comuni capoluogo di provincia), aliquota addizionale comunale IRPEF 0,61% (aliquota media nei comuni capoluogo di provincia per lo specifico livello di reddito), aliquota addizionale regionale IRPEF 1,56% (aliquota media nazionale per lo specifico livello di reddito), maggiorazione TARES 0,3 euro al metro quadrato.

Scenario 2: Aliquota IMU 10,6‰, aliquota addizionale comunale IRPEF 0,8%, aliquota addizionale regionale IRPEF 2,03%, maggiorazione TARES 0,4 euro al metro quadrato.

Società di capitali: (SRL) 2 soci e 10 dipendenti di cui 2 donne e 1 giovane (di età inferiore a 35 anni); reddito 90.000 euro. Capannone di 1.000 mq, rendita 7.642.36 euro (rendita media nazionale). Auto aziendale con la quale percorre 20.000 km annui, consumo pari a 23,8 km/lt (valori in euro)

Descrizione

2013

scenario 1

scenario 2

IRES

10.016

10.016

IRAP

3.178

3.178

Contributi INPS

6.481

6.481

Tributo Camerale

267

267

Tares

2.982

3.032

IMU

2.478

2.764

Totale

25.401

25.737

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA di Mestre su fonti varie

Nota Scenario 1: Aliquota IMU 9,5‰ (aliquota media nei comuni capoluogo di provincia), maggiorazione TARES 0,3 euro al metro quadrato.

Scenario 2: Aliquota IMU 10,6‰, maggiorazione TARES 0,4 euro al metro quadrato.