Al via la LXXVII Mostra vini del Trentino all’Enoteca provinciale

0
255
23972 1
23972 1Palazzo Roccabruna ospita dal 23 al 25 maggio 174 vini e grappe di 38 aziende agricole, vinicole spumantistiche e distillerie rappresentative di tutta la produzione enologica provinciale

Dal 23 al 27 maggio il territorio trentino mette in vetrina la propria produzione vitivinicola con la LXXVII edizione della “Mostra Vini del Trentino” che quest’anno cambia nuovamente sede approdando, dopo due anni al Castello del Buoncosiglio e, precedentemente, negli spazi del Teatro Sociale, nella sede dell’Enoteca provinciale a Palazzo Roccabruna. Gli ospiti potranno accomodarsi e scegliere liberamente i vini da degustare, mentre nella sala più prestigiosa, la Conte di Luna, sarà possibile dedicarsi al solo Trentodoc. Sarà possibile assaporare tutte le etichette presenti acquistando i coupon all’entrata.

Come per le ultime edizioni, la Mostra vini non sarà rappresentativa del’intera produzione enologica provinciale, in quanto le cantine aderenti al movimento dei vignaioli indipendenti hanno preferito allestire una manifestazione autonoma.

Ad animare le degustazioni vi saranno le “Incursioni teatrali”, brevi rappresentazioni della durata di alcuni minuti a cura di Maura Pettorruso dedicate ai vini testimonial del territorio.

Saranno circa 170 i vini presenti, in rappresentanza di 38 cantine fra le quali 25 case spumantistiche, 14 cooperative, 11 aziende agricole e 10 aziende vitivinicole, oltre ad attori istituzionali come la Fondazione Edmund Mach e l’Istituto Trentino di Tutela della Grappa, con le 28 realtà che ne fanno parte. I produttori entreranno poi in azione il giorno 27, nell’ambito del progetto “Quando il vino è un mestiere”, riservato ai soli operatori.La “Barchessa”, invece, offrirà per l’occasione un servizio bistrot, dalle 17 alle 22 con le proposte delle tre Strade dei Vini e dei Sapori del Trentino.A consolidare il legame vino-gastronomia, undici ristoranti del centro storico di Trento parteciperanno al progetto “Piatto in Mostra”, proponendo dal 20 al 27 maggio un menù abbinato ad un vino del territorio.

22083 1

Domenica 26 maggio spazio a “Cantine Aperte”, di cui ricorre il XXI anniversario, un momento di incontro con il territorio nel quale 18 realtà produttrici apriranno le porte a visitatori e appassionati. Con una novità, l’enobus che permetterà di lasciare la macchina al parcheggio e di usufruire, in un circuito di sei aziende, del mezzo messo a disposizione dall’organizzazione.

La “Mostra Vini del Trentino” propone inoltre due significativi momenti di riflessione: il 23 maggio alle 14.30 presso Sala Calepini è in programma il convegno “Sviluppi e tendenze del Trentodoc nei canali Ho.Re.Ca. e Gdo”, moderato da Denis Pantini di Nomisma. Il 27 maggio alle 10.30 è in programma il seminario “Indovina chi comunica la cena? Nuove modalità di comunicazione per promuovere della ristorazione”, nell’ambito di una giornata dedicata interamente agli operatori del settore, che vedrà coinvolti direttamente anche i 38 produttori. Accanto a questi appuntamenti di studio è previsto un ciclo di quattro approfondimenti organizzati dalla Camera di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato di Trento, dal titolo “I vini trentini sfidano il tempo”, ciascuno dedicato ad un prodotto enologico: giovedì 23 maggio alle ore 18.00 “Il Trentodoc della Cantina storica di Palazzo Roccabruna” a cura di Francesco Spagnolli, enologo, e Nereo Pederzolli, giornalista; alle ore 20 “Il Teroldego” della Cantina storica di Palazzo Roccabruna con Paolo Benati, sommelier; venerdì 24 ore 18 spazio a “I Bordolesi” con relatore il giornalista Giuseppe Giuliano, mentre sabato 25 maggio alle ore 18 verrà proposto “Il Trentino Doc Vino Santo”, con Maria Grazia Brugnara di Accademia d’Impresa (CCIAA di Trento). Infine, alle ore 20, il laboratorio a cura dell’Associazione Nazionale Assaggiatori Grappa, dal titolo “Una grande signora: la Trentino Grappa in passerella”.