ReVita, il caricabatterie che rigenera le batterie alcaline

0
393
batterie-alkaline-revita-ilnordest
batterie-alkaline-revita-ilnordestUn apparecchio innovativo, che non sempre centra il suo obiettivo

Un nuovo modello di caricabatterie potrebbe restituire vita nuova non solo alle batterie ricaricabile NiMh, ma anche alle normalissime alcaline (solitamente usa e getta) grazie ad una particolare tecnologia brevettata in USA, Cina, Giappone, Taiwan, Germania, Australia ed Italia.

Ricaricare le batterie alcaline sulla carta ha molti vantaggi: oltre ad evitare lo smaltimento di materiali potenzialmente tossici per l’ambiente, consente di ridurre considerevolmente l’impatto dei costi sull’utilizzo delle batterie. Inoltre, a differenza delle normali batterie ricaricabili, le alkaline non hanno effetto memoria e offrono una maggiore tensione d’esercizio (1,5 volt invece di 1,2 delle ricaricabili).

Secondo i produttori, si possono rigenerare le batterie alkaline per almeno una decina di volte, fintanto che la tensione d’uscita cala in modo considerevole. Non tutte le batterie alkaline possono essere rigenerate: il costruttore consiglia l’utilizzo solo di batterie di recente costruzione e di ottima qualità, appena scaricate, mente vieta la ricarica di accumulatori vecchi o danneggiati e quelle Zinco Carbone.

ReVita dispone di una circuiteria molto complessa divisa in quattro sezioni. Ogni batteria è caricata individualmente ed ogni circuito è controllato da un apposito microprocessore il quale verifica la temperatura e la tensione durante tutto il ciclo di carica. Questo sistema garantisce efficacia e sicurezza di utilizzo, prevedendo automaticamente la sospensione della ricarica dopo quattro ore d’impiego.

Sulla carta, le caratteristiche di ReVita sono rivoluzionarie. Alla prova pratica decisamente meno. Difficile “centrare” le batterie giuste da ricaricare. A parità di marca e d’anzianità d’uso, la loro resa varia moltissimo. Nonostante l’effettuazione di più cicli di ricarica consecutivi inframmezzati da una pausa, alcune batterie alkaline ricaricate hanno offerto energia solo per un breve lasso di tempo. Altre sono andate un po’ meglio.