Bolzano, presentati i nuovi treni regionali con sellerie “Made in Alto Adige”

0
300
PAB-Sedili-treni-regionali-tessuti-lanificio-moessmer-brunico-ilnordest
PAB-Sedili-treni-regionali-tessuti-lanificio-moessmer-brunico-ilnordestIl lanificio Moessner di Brunico fornisce i tessuti innovativi per le sedute

Thomas Widmann, assessore altoatesino ai trasporti, ha presentato presso il lanificio Moessmer di Brunico un progetto innovativo che prevede l’utilizzo dei tessuti del noto marchio pusterese per i rivestimenti dei nuovi treni regionali FLIRT che entreranno in funzione a partire dal prossimo autunno. Nel corso del suo intervento di presentazione dei nuovi rivestimenti dei sedili dei nuovi treni regionali, Widmann ha sottolineato il ruolo trainante della ferrovia della Val Pusteria anche l’intero settore economico. “I nostri treni – ha affermato – sono divenuti nel corso degli anni dei veri e propri simboli dell’Alto Adige, una sorta di logo conosciuto anche al di là dei confini provinciali e gli otto nuovi treni che entreranno in funzione a partire dal prossimo autunno simboleggeranno l’Alto Adige non solamente all’esterno, ma anche al loro interno grazie ai rivestimenti appositamente prodotti dal lanificio Moessmer di Brunico”.

Ha quindi preso la parola il direttore SAD-trasporto ferroviario, Maurizio Chiusa, il quale ha sottolineato che la puntualità della linea ferroviaria della Val Pusteria è del 97% e questo risultato è stato raggiunto grazie all’adozione di treni moderni caratterizzati da elevata affidabilità e grande comfort. Il direttore regionale di Trenitalia, Roger Hopfinger, ha quindi aggiunto che l’Alto Adige è l’unica provincia italiana dove per il trasporto ferroviario locale in collaborazione con l’ente pubblico è stato acquistato del nuovo materiale rotabile. Joachim Dejaco ha quindi illustrato i dati tecnici dei nuovi treni e l’amministratore delegato della Moessmer, Walter Niedermair, ha sottolineato che per i rivestimenti dei treni viene utilizzata una stoffa di loden adeguatamente adattata che risponde alle caratteristiche necessarie per questo specifico impiego, per la quale è stato anche adottato un apposito colore. A tale proposito è stato rivolto un appello ai passeggeri affinché abbiano cura degli arredi ferroviari.

Complessivamente un treno è dotato di 260 sedili ai quali si aggiungono 12 sedili richiudibili. Il costo aggiuntivo per il rivestimento in stoffa si aggira intorno ai 33 euro per ogni sedile ed ogni sedile costa circa 1.000 euro. Il costo degli otto nuovi treni si aggira intorno ai 69,5 milioni di euro ai quali si aggiungono otto moduli il cui costo è di altri 8 milioni di euro per un costo complessivo di 77,5 milioni di euro. I nuovi treni saranno assegnati rispettivamente alla SAD (3) ed a Trenitalia (5). Cinque treni saranno acquistati dalla Provincia tramite la STA per un importo di 43,3 milioni di euro, e tre da Trenitalia. I treni saranno consegnati in autunno e dopo un complesso iter entreranno progressivamente in esercizio.

“In Val Pusteria – ha aggiunto Widmann – a partire dal prossimo anno saranno in esercizio esclusivamente i nuovi treni FLIRT e già a fine settembre entrerà in funzione la nuova fermata di Brunico Nord, da dicembre vi saranno dei  collegamenti diretti tra Bolzano ed Innsbruck, dal dicembre del prossimo anno ogni ora vi sarà un collegamento Fortezza-San Candido-Lienz.