Frecce Tricolori, debutta il Club sul Monte Spinale

0
608
Inaugurazione-Club-Frecce-tricolori-Dolomiti-Il-presidente-Gottardi-con-luogotenente-Dario-Bulfone-ilnordest
Inaugurazione-Club-Frecce-tricolori-Dolomiti-Il-presidente-Gottardi-con-luogotenente-Dario-Bulfone-ilnordestAllo Chalet Fiat l’inaugurazione ufficiale del 135° Club Frecce Tricolori “Madonna di Campiglio-Dolomiti di Brenta”, alla presenza di piloti e autorità

Autorità, appassionati, piloti. Tutti riuniti allo Chalet Fiat di Madonna di Campiglio, sul Monte Spinale, per salutare la nascita del 135° Club Frecce Tricolori, denominato appunto “Madonna di Campiglio-Dolomiti di Brenta”, in omaggio alla fantastiche montagne visibili dalla terrazza del noto rifugio-ristorante, che è tra l’altro la sede ufficiale del neonato sodalizio.

Tanto l’entusiasmo per questa nuova associazione, tenuta a battesimo dal presidente Mattia Gottardi, da Sua Eminenza Cardinal Walter Kasper (eminente Teologo e Cardinale tedesco, autore di importanti trattati) e la delegazione dei piloti del 313° Gruppo Pan con il luogotenente Dario Bulfone (che ha portato il saluto di Jan Slangen magg.pil. Comandante del 313°PAN), i 1° Maresciallo Mario Riccardi e Federico Abussi e i Maresciallo di 1ª Classe Gianluca Buiatti e Giovanni Radina, il maggiore Giuseppe Longo dello Stato Maggiore dell’Aeronautica, Danilo Angeli in rappresentanza dell’Associazione Aeronautica Alto Garda.

“Con la nostra sede ai 2.104 metri di quota dello Chalet Fiat – ha sottolineato il presidente Gottardi – il nostro club si segnala come il più ‘alto’ in tutta Europa e ‘sposa’ due eccellenze tutte italiane come le Frecce Tricolori, pattuglia acrobatica vanto dell’Aeronautica militare italiana ritenuta la migliore al mondo nel suo genere e apprezzata a livello internazionale e le Dolomiti Patrimonio naturale dell’Umanità Unesco che qui a Campiglio mostrano il meglio di sé nel massiccio del Brenta”. Parole confermate dalla splendida vista che è possibile godere dalla terrazza della Chalet, gestito da Roberto Maroni, co-fondatore del Club, così come il sindaco di Pinzolo William Bonomi, e quello di Ragoli, Matteo Leonardi.

Il presidente Gottardi ha poi ringraziato la delegazione del Friuli giunta particolarmente numerosa, fra cui Monsignor Vicario di Udine Luciano Nobile che ha benedetto la sede e ha ricordato come “i piloti sempre più vicini al cielo possano sempre tornare a terra”. Il presidente ha rivolto poi un particolare saluto a Vigilio Gheser, oggi non presente, pilota trentino di Folgaria attuale componente della formazione delle Frecce Tricolori. Spazio anche ad un momento istituzionale con un presente consegnato dai sindaci di Pinzolo e Ragoli al sindaco del comune di Basiliano confinante con la base friulana di Rivolto rappresentato dal marmo nero di Ragoli in unione con il giglio di Madonna di Campiglio quale segno tangibile di legame tra i due comuni.