Classifica dei marchi automobilistici 2013: sul podio Toyota, Mercedes, Bmw

0
134
Le coreane crescono in posizione grazie agli investimenti in nuovi modelli: Hyundai e Kia nelle prime dieci

L’edizione 2013 del “Best 100 Global Brands” di Interbrand, prestigioso studio che valuta il valore economico dei marchi globali, vede nel comparto automobilistico un podio formato da Toyota, Mercedes e Bmw, a testimonianza della loro importanza, Colossi come Honda, Volkswagen e Fors si piazzano nelle posizioni immediatamente di rincalzo.

Da notare la decisa avanzata delle marche coreane che nel volgere di meno di dieci anni, grazie ad un’accorta politica d’investimenti per rinnovare e modernizzare i prodotti, si piazzano nelle prime 11 posizioni, scalzando marchi blasonati come Audi (8) e Porsche (9): Hyundai conquista la settima posizione, migliorando la classifica assoluta di ben 47 posizioni, mentre all’undicesimo posto entra la sussidiaria di Hyundai, Kia. Nelle prime 10 posizioni, il gruppo Fiat non è presente, complice la crisi che attanaglia i vari marchi del gruppo.

A livello generale, Hyundai rappresenta uno dei marchi in più rapida ascesa – insieme ad altri marchi di sicuro richiamo come Apple, Google (che hanno scalzato Coca-Cola dalla vetta), ed Amazon.com. In particolare, negli ultimi 5 anni Hyundai ha registrato un aumento del valore economico del marchio pari al +96%, una crescita media doppia rispetto alla media del comparto automotive (+42%). Rispetto al 2012, il valore del marchio Hyundai è cresciuto del +20,5% fino a raggiungere i 9 miliardi di dollari USA. Hyundai è così salita di altre 10 posizioni, raggiungendo il 43° posto di questa speciale classifica, continuando una crescita che risale al lontano 2005 – quando debuttò all’84° posto: da allora, il marchio è cresciuto in valore del +160%, scalando la classifica di ben 41 posizioni.

La classifica di Interbrand si basa su studi che misurano l’importanza del marchio nelle decisioni d’acquisto, la performance finanziaria aziendale in termini di brand image con conseguente ritorno dell’investimento, e la prevista redditività futura.