Pordenone, nasce in ambito Comet la nuova rete d’imprese “Smart Ium”

0
207
SMART-Ium-pordenone-gruppo-fondatori-ilnordest
SMART-Ium-pordenone-gruppo-fondatori-ilnordestCinque aziende si uniscono per accrescere la loro competitività

Cinque aziende con dimensioni diverse ma tutte operanti nella provincia di Pordenone, circa 250 dipendenti di cui più di 30 dedicati alla progettazione, 57 milioni di € di fatturato aggregato.

Questi sono solo alcuni dei significativi numeri della nuova Rete di Imprese “Smart Ium”, seconda di tre aggregazioni di aziende del distretto Comet e formalizzata presso l’Unione Industriali di Pordenone alla presenza del notaio Distefano. Si tratta di Acryl 2000 Thermoforming S.r.l. di Roveredo in Piano, Farid Industrie S.p.a. con sede a Fiume Veneto, Gruppo Prisma S.r.l. di Porcia, Micro Team S.r.l. di Aviano, Pro J System S.n.c. di Porcia.

Con questa aggregazione, le imprese coinvolte perseguono e condividono un obiettivo comune che possa far accrescere la propria competitività e capacità d’innovazione attraverso lo scambio di informazioni e prestazioni di natura industriale, commerciale tecnica e tecnologica.

I contratti di rete in Italia risultano essere circa un migliaio, pochi, purtroppo, quelli sottoscritti nella provincia di Pordenone. “Smart Ium” è l’acronimo di “Smart Interface Humane-Machine”. Il primo progetto della Rete, riguarda proprio la ricerca, lo sviluppo, la progettazione e la produzione di un aggregato complesso di tecnologia per realizzare sistemi capaci di sostituire gli attuali pannelli di controllo per canal-jet e auto spurgo. “Smart Ium” è riuscita a realizzare un pannello di controllo in grado di adattare i segnali di comando dell’attrezzatura all’autoveicolo creando un’interfaccia uomo-macchina semplice ma decisamente amichevole. Il pannello presenta dei circuiti elettronici configurabili che lo rendono universale. Lo schermo luminoso è formato da cristalli liquidi di nuova generazione ed è stata eliminata qualsiasi scritta, utilizzando esclusivamente icone, immediatamente riconoscibili e indipendenti dalla lingua del cliente.

I pannelli della rete “Smart Ium” andranno in ogni parte del mondo e grazie allo studio effettuato potranno essere montati anche sui canal jet già venduti, prolungandone così la vita utile e aumentando le potenzialità di mercato della rete.

Per il neo presidente di “Smart Ium”, Paolo Bertiato, legale rappresentante della Pro J System, “non è stato facile coordinarci, metterci d’accordo e condividere un obiettivo comune, ma siamo molto orgogliosi del risultato conseguito. Risultato che non consideriamo come un traguardo, bensì come un punto di partenza per nuovi progetti in “team”! E’ stato fondamentale il supporto ricevuto dalle istituzioni territoriali e in particolare voglio ringraziare il distretto Comet, l’Unione Industriali e la Camera di commercio di Pordenone. Non possiamo più permetterci gli individualismi, soprattutto tra PMI, le nuove sfide sono internazionali e affrontabili solo in maniera aggregata”.