Alessandro De Marchi dirige musiche di Sammarchi, Malipiero, Rota, Stravinskij e Respighi

0
225
Teatro-la-fenice-alessandro-De-Marchi-ilnordest-quotidiano
Teatro-la-fenice-alessandro-De-Marchi-ilnordest-quotidianoQuarto concerto della Stagione sinfonica al Teatro La Fenice di Venezia

Venerdì 10 gennaio 2014 alle ore 20.00 (turno S) e domenica 12 alle 17.00 (turno U), l’Orchestra del Teatro La Fenice diretta dal maestro Alessandro De Marchi, direttore principale dell’Accademia Montis Regalis e direttore artistico del Festival di Musica Antica di Innsbruck, eseguirà al Teatro La Fenice il quarto concerto della Stagione sinfonica 2013-2014, dedicato al Novecento italiano e alle sue diverse attitudini nei confronti della musica antica.

Il programma prevede nella prima parte la suite Gabrieliana per piccola orchestra di Gian Francesco Malipiero, ispirata a Giovanni e Andrea Gabrieli, e il neoclassico Concerto per archi di Nino Rota, e nella seconda il Concerto per orchestra da camera Dumbarton Oaks di Igor Stravinskij, uno dei più celebri lavori della fase neoclassica del compositore, seguito dalla Terza suite delle Antiche danze ed arie per liuto trascritte per orchestra d’archi da Ottorino Respighi.
A questi quattro brani si aggiungerà, in apertura della prima parte del concerto, la prima delle tre partiture commissionate ed eseguite in prima assoluta nell’ambito del progetto «Nuova musica alla Fenice», giunto alla sua terza edizione e dedicato quest’anno alla memoria di Giovanni Morelli: E sì com’io bevesse al fondo Lethe del compositore bolognese Luigi Sammarchi, ispirata a un sonetto di Pico della Mirandola.