Antichi erbari in mostra nella Cappella Vantini a Trento

0
631
Trento Antichi erbari in mostra a Cappella Vantini 1
Trento Antichi erbari in mostra a Cappella Vantini 1Viaggio nel tempo, tra arte e scienza nei volumi dal XV al XVIII conservati nella Biblioteca comunale di Trento

Rari e preziosi volumi dal XV al XVIII, conservati nella Biblioteca comunale di Trento, saranno esposti dal 17 aprile nella Cappella Vantini di Palazzo Thun, in via Orne 1: un’occasione unica per scoprire volumi rari, illustrati da xilografie e incisioni su rame di grande pregio artistico, che hanno permesso di tramandare fino ad oggi antichi saperi e conoscenze su piante e fiori che in essi vengono accuratamente descritti.

La proposta offre in visione al grande pubblico opere d’arte che rimarrebbero altrimenti accessibili solo a pochi intenditori, valorizzando così il patrimonio culturale cittadino.
Alcuni tra i più bei codici miniati del Quattrocento e del Cinquecento, oggi conservati in alcune delle più importanti biblioteche europee, sono stati, almeno per qualche tempo, nelle mani dei principi vescovi di Trento che li hanno acquistati o posseduti. Tra questi, ad esempio, il Tacuinum Sanitatis della fine del Trecento, oggi alla Österreichische Nationalbibliothek di Vienna, che appartenne al vescovo Giorgio di Lichtenstein. Le sue splendide miniature furono realizzate in ambiente veronese e si inquadrano chiaramente nell’ambiente del gotico internazionale che si manifestò a Trento negli affreschi dei Mesi di Torre Aquila del maestro Venceslao di Boemia.
I tredici volumi a stampa esposti a Cappella Vantini, di cui undici originali e due in riproduzione anastatica, testimoniano il valore di questi antichi testi, sospesi tra natura e letteratura, tra arte e scienza e capaci di tramandare di generazione in generazione la conoscenza delle erbe e del loro valore curativo. Preziose in particolare le illustrazioni, che si evolvono nel tempo da una rappresentazione quasi allegorica ad un tratto di disegno scientifico quasi fotografico.
L’esposizione rimarrà aperta al pubblico fino al 30 giugno, dal martedì al venerdì dalle 14 alle 18, sabato e domenica dalle 10 alle18 (giorno di chiusura lunedì).