Festival di musica sacra 2014

0
173
festival musica sacra 2014 1
festival musica sacra 2014 1Concerti nelle chiese del Trentino, Alto Adige e Tirolo

Il Festival di Musica Sacra 2014, giunto alla 43a edizione, si svolge nelle chiese dal 6 maggio al 8 giugno, coinvolgendo cori, gruppi strumentali e solisti delle province di Bolzano e Trento, ma anche artisti internazionali di grande levatura. Negli ultimi anni si è intensificato il rapporto con il Nord Tirolo, da un lato ospitando concerti, dall’altro con progetti comuni. L’anno scorso questa collaborazione è stata formalizzata nello Statuto del Festival per includere e mantenere vivo tutto il contesto culturale nell’orizzonte dell’Euroregione.  

Il concerto di apertura del 6 maggio a Bressanone e del 7 maggio a Rovereto, vede l’esecuzione dell’Oratorio “La Resurrezione” di Georg Friedrich Händel. Händel compose l’Oratorio nel 1708 a Roma, dove fu eseguito per la prima volta nel Palazzo Bonelli del Marchese Ruspoli l’8 aprile, domenica di Pasqua, sotto la direzione di Arcangelo Corelli. L’Oratorio verrà eseguito da cantanti solisti di fama internazionale, dall’orchestra barocca Concerto Stella Matutina sotto la direzione di Roberto Zarpellon.   

Il concerto dell’Amarida Ensemble diretto da Othmar Trenner il 10 maggio a Lagundo e l’11 maggio a S. Michele all’Adige ha in programma musica contemporanea di Girolamo Deraco (“Seelenessen”, prima esecuzione) e Carlo Galante, (“Geremia”), insieme a brani di Schubert, Mozart e Pachelbel.  

Un concerto decisamente originale avrà luogo il 17 maggio nella chiesa del Seminario di Bressanone e il 18 maggio nella chiesa del Seminario maggiore di Trento. Il pianista Herbert Schuch, sotto il motto “richiami di campane”, eseguirà diversi brani per pianoforte di Bach, Messiaen e Liszt, scelti intenzionalmente per uno spazio sacro.  

Il programma del concerto del 18 maggio nella chiesa abbaziale di Gries offre musica sacra con accompagnamento di fiati del compositore Jakob Schgraffer nato a Bolzano nel 1799, e di Josef Netzer. Il concerto, in collaborazione con il Tiroler Landesmuseum Ferdinandeum, è affidato a voci soliste, all’Ensemble vocale Novo Canto e a un Ensemble di fiati che suona strumenti storici sotto la direzione di Ernst Schlader.  

La prima del “Dramma rappresentativo” del giovane compositore trentino Antonio Casagrande è il fulcro del concerto a Tuenno, Trento e Bolzano del 19, 20 e 21 maggio. Gli esecutori sono il Coro dei ragazzi della scuola “C. Eccher” e l’Ensemble Zandonai sotto la guida di Giancarlo Guarino.  

Le Cantate sacre di Georg Philipp Telemann e una premiere (“Den Sinnen zünde Lichter an”)  di Herbert Grassl formano un interessante contrasto nel concerto del 25 maggio nella Chiesa parrocchiale di Chiusa con l’Ensemble Harmonia Etherea (Petra Sölva, soprano, Caroline Mayrhofer, flauti dolci, Stefano Rattini, organo).  

Nella chiesa di Sant’Anna a Trento si terrà il 27 maggio un concerto in onore dell’arcivescovo Bernardo Clesio. Bernardo Clesio fu vescovo a Trento e a Bressanone e dal 1530 anche cardinale. Si impegnò per far costruire chiese e castelli in regione e per la costruzione del Duomo di Trento, della chiesa di Santa Maria Maggiore e particolarmente per la ricostruzione e l’abbellimento della sede vescovile del Castello del Buonconsiglio. In programma ci sono Motetti, Inni e Messe tratti dai codici musicali Trentini del Quattrocento. Esecutori: l’Ensemble Vocale Feininger e Stefano Rattini all’organo.  

Il 29 maggio nella chiesa di S. Francesco Saverio a Trento verrà inaugurato l’organo,  costruito dai fratelli Meyer nel 1888 e restaurato nel 2014 da Giorgio Carli. Per questa occasione il Festival ha invitato il celebre organista Jürgen Essl, conosciuto in  particolare per le sue improvvisazioni.  

Per la decima volta la Brixner Initiative Musik und Kirche organizza un itinerario organistico, in cui l’ascoltatore migra da una chiesa all’altra, da un organo all’altro. Da alcuni anni questo percorso avviene in collaborazione con il Festival di Musica Sacra. Quest’anno gli organi interessati dall’itinerario, che si terrà il 1° giugno, sono quelli di Tubre in val Monastero, Müstair e Prato allo Stelvio. Gli organisti che si alterneranno sono Marian Polin e Tobias Chizzali. Herbert Paulmichl, Helga Plankensteiner e Michael Lösch hanno composto  nuovi brani appositamente per questa manifestazione.  

L’Orchestra regionale Haydn offre due progetti nella cornice del Festival di Musica Sacra. Dal 28 al 30 maggio l’orchestra è ospite a Lavis, a S. Paolo e a Zambana. Sono in programma brani di Nicola Porpora, Francesco Durante, Antonio Lotti, Alessandro Scarlatti e Johann Adolph Hasse. L’orchestra accompagnerà il soprano Berit Solset e sarà diretta dal giovane direttore Benjamin Bayl. Il secondo progetto è l’esecuzione del “Gloria” in Re maggiore di Antonio Vivaldi e della Messa dell’Incoronazione di W. A. Mozart. I concerti si terranno dal 5 all’8 giugno a Trento, Rovereto, Tignale e Bolzano. Hansjörg Albrecht dirigerà l’Internationale Chorakademie di Lubecca, l’Orchestra Haydn e i cantanti solisti.

A Borgo e a Trento avrà luogo rispettivamente il 6 e il 8 giugno la premiere di “Eikonai” del compositore trentino Nicola Segatta. In programma anche brani di Lloyd Webber, Renato Dionisi, Luigi Molfino, Andrea Mascagni  e Ildebrando Pizzetti. Sandro Filippi dirigerà il Coro Filarmonico Trentino, La Piccola Orchestra Lumière sarà diretta da Giancarlo Guarino.  

Due concerti del famoso coro di voci bianche Windsbacher sotto la direzione di Martin Lehmann concluderanno questa edizione del Festival di Musica Sacra. Sotto il motto “Acclamate al Signore, voi tutti della terra” verrà proposta musica sacra di Felix Mendelssohn-Bartholdy, Johann Hermann Schein, Knut Nystedt, Johann Staden, Heinrich Schütz, Javier Busto, Johann Sebastian Bach e Max Reger. I concerti avranno luogo il 6 giugno a Trento nella chiesa di Santa Maria Maggiore e il 7 giugno nella Chiesa parrocchiale di Brunico.