Promozione turistica del Trentino: via al cambiamento

Pat-michele-dallapiccola-ilnordest
Pat-michele-dallapiccola-ilnordestL’assessore Dallapiccola presenta lo schema di riordino di un comparto strategico per l’economia locale

Approvazione preliminare da parte della Giunta provinciale di Trento della proposta presentata dall’assessore Michele Dallapiccola riguardante il riordino del settore della promozione turistica, settore fondamentale per l’economia trentina. La proposta contiene una ridefinizione dei ruoli dei diversi attori: nuova Trentino Marketing, Aziende per il turismo, Consorzi e associazioni pro loco.

Enfasi viene posta inoltre sull’uso delle nuove tecnologie, diventato assolutamente pervasivo nel settore turistico, e sul suo impatto sul portale, la commercializzazione e altri strumenti innovativi come una “Guest Card” per l’accesso del turista ai servizi. Sarà inoltre introdotta nel meccanismo di finanziamento degli enti locali di promozione una logica premiale, incentivando i soggetti che adottano comportamenti coerenti con le logiche di sistema. Anche in Trentino, ultima tra le regioni italiane, sarà poi introdotta la tassa di soggiorno gravante sugli ospiti degli alberghi.

L’intento dell’esecutivo autonomista è prima di tutto mettere a punto i meccanismi di un sistema che è centrale nell’economia provinciale, costituendo una fetta superiore al 15% del Pil e rappresentando l’architrave dell’economia di intere vallate. L’organizzazione turistica trentina era stata oggetto di una vasta riforma all’inizio degli anni 2000. I risultati del settore hanno sostanzialmente dimostrato la validità dello schema, che va comunque aggiornato a fronte di un mercato in continua evoluzione nel quale il web e – più in generale – le nuove tecnologie costituiscono il principale fattore di competitività ed anche delle mutate condizioni di finanza pubblica.

Vengono precisate le funzioni di Trentino Marketing, che deve essere il perno del sistema turistico provinciale, cui spettano le azioni di macrosistema, tra cui la comunicazione di marca, in tutte le sue diverse forme, l’analisi dei mercati, conoscenza delle vocazioni territoriali / fattori di attrattiva, la strategia di marketing in un’ottica pluriennale, l’innovazione nello sviluppo dei prodotti.

In particolare, per il tema del prodotto turistico Trentino Marketing dovrà coordinare progetti strategici di sistema coinvolgendo le APT ed i Consorzi pro loco anche per favorire i processi di aggregazione e di integrazione.

Nell’ottica di offrire maggiori servizi al sistema turistico locale va letto il potenziamento del portale di promozione turistica trentino (www.visittrentino.it) che dovrà trasformarsi in piattaforma multimediale interattiva, veicolando più di oggi anche le offerte di prenotazioni, riducendo le intermediazioni oggi vigenti su portali generalisti che trattengono mediamente il 15-30% del prezzo di vendita dei servizi turistici intermediati.

Dovranno rinnovarsi anche le attuali 14 Apt e i 6 ambiti presidiati da Consorzi pro loco (cioè 20 soggetti indipendenti) che dovrano maggiormente impegnarsi nella commercializzazione del prodotto turistico locale, operando in stretta sinergia con Trentino Marketing.